© Sirotti

UAE Team Emirates, Tadej Pogačar pronto per il Tour de France ma non si sbilancia: “Sarò lì per imparare” e pianifica il Fiandre: “Utile per l’esperienza”

Tadej Pogačar sta lavorando al proprio debutto al Tour de France 2020. Il giovanissimo sloveno, 22 anni il prossimo settembre, è reduce da un esordio tra i professionisti decisamente incoraggiante e spera di potersi confermare quest’anno. Il primo anno alla UAE Team Emirates è stato da incorniciare, con i successi in Volta ao Algarve, Giro di California e soprattutto il terzo posto alla Vuelta a España, condito da tre successi di tappa, che lo ha già proiettato in una dimensione molto interessante. Il 2020, iniziato già con ottime prestazioni a la Volta a la Comunitat Valenciana e all’UAE Tour, lo vedrà esordire al Tour de France con il ruolo iniziale di spalla per Fabio Aru.

In primo luogo sarò lì per imparare – ha premesso ieri in videoconferenza riportata da VeloNews– Questo sarà il mio primo Tour de France e soltanto il mio secondo Grande Giro. Ma se avrò la possibilità di mostrare cosa posso fare, lo farò”.

Essere al via di una corsa così importante è incredibile per lui: “Ricordo che lo vedevo da bambino in televisione – ha aggiunto – Non sapevo davvero cosa fosse il ciclismo. Non ricordo chi fossero i corridori. Ma la folla lungo la strada era semplicemente incredibile. Il Tour de France è la gara più grande. Solo esserci è qualcosa di speciale“.

Intanto, l’obiettivo è arrivarci al massimo della forma: “Siamo pronti a fare tutto il possibile per vincere tappe o ottenere la maglia gialla, ma non voglio promettere nulla. Voglio essere nella forma migliore possibile. Vincere tre tappe e salire sul podio alla Vuelta l’anno scorso è stato del tutto inaspettato. Non credo di poterlo fare di nuovo al Tour“. Pensa che tutte le tappe saranno impegnative: “Puoi perdere il Tour quasi ogni giorno, ma puoi anche vincerlo quasi ogni giorno”, ha aggiunto, rimarcando che tutti ci arriveranno con poche corse nelle gambe: “Sarà strano. Ma sarà lo stesso per tutti”.

Il suo programma dopo il Tour dovrebbe comprendere i Campionati del Mondo in Svizzera, ma forse anche il Giro delle Fiandre per fare esperienza: “Mi piace molto il Belgio, è un bel Paese con gare davvero fantastiche – ha rivelato – Spero di esserci e divertirmi! Il Fiandre è utile per l’esperienza. È uno stile di gara diverso, strade diverse, ecc. Non è sicuro al 100% che lo farò, ma è un’opportunità per fare una bella esperienza e aiutare la squadra”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.