© Tirreno-Adriatico

Tirreno-Adriatico 2019, Viviani: “So come muovermi in arrivi tecnici come questo”

Prima vittoria in Italia col tricolore sulle spalle per Elia Viviani, che ha dominato la volata che ha risolto i conti nella terza tappa della Tirreno-Adriatico 2019. Sul traguardo di Foligno il portacolori della Deceuninck-Quick Step ha rispettato i pronostici riuscendo a mettere la sua ruota davanti a quella degli avversari al culmine di uno sprint nel quale, nonostante un’amalgama non proprio perfetta con i compagni di squadra, ha battezzato la ruota di Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e sfruttato la scia del tre volte iridato per dar vita a una progressione devastante che ha impedito tanto allo slovacco quanto a Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) di resistergli.

“È stata caotica come volata – ha dichiarato dopo il traguardo l’olimpionico su pista di Rio 2016 – avevamo un piano che non è andato bene. Era difficile prendere la testa, anche i corridori della generale erano in testa al gruppo che lottavano per tenere le posizioni e non perdere tempo. Asgreen ha tirato per 220 chilometri chiudendo sulla fuga e questo mi responsabilizza. Nel finale Richeze e Morkov mi hanno coperto, ma ci siamo un po’ persi, ma per fortuna c’era Stybar. In arrivi tecnici come questo so come muovermi e sapevo che l’ultima curva era piuttosto vicina all’arrivo. Quando Sagan è partito mi sono mosso subito ed è andata bene”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.