Movistar, Alejandro Valvedre conferma: “2021 ultimo anno, non andrò oltre”

Alejandro Valverde conferma, il 2021 sarà il suo ultimo anno. Il corridore della Movistar insegue quest’anno quello che è forse l’unico obiettivo della sua carriera ad essergli davvero mancato, assieme al successo a Il Lombardia, ovvero un oro olimpico. I Giochi di Tokyo 2020 sono infatti il grande obiettivo attorno al quale ha costruito la sua stagione e che lo motivano ancora ad andare avanti con la stessa determinazione, se non forse ancora di più, degli anni migliori. Sono quello che i Mondiali di Innsbruck erano due anni. Poi correrà un altro anno, per quella che sarà una lunga passerella di addio, ovviamente pronto a vincere ogni corsa che gli sarà possibile.

Il classe 1980 ha rinnovato per due anni la scorsa estate e se finora la sua era sostanzialmente una tendenza, ormai la decisione sembra presa in maniera chiara. “Sono sicuro, non andrò oltre – annuncia al quotidiano AS – Voglio correre altre due stagioni al massimo livello, poi lascio. Inoltre, entrare nell’organico della Movistar una volta appesa la bici al chiodo è qualcosa che mi interessa molto. Voglio poter dare qualcosa a questa famiglia in qualsiasi posizione sarò”.

Prima di arrivare a quello ci sono però ancora grandi obiettivi e motivazioni, perché, pur consapevole che il tempo passa, il murciano sente di poter ambire a traguardi di primissimo piano: “Se penso ai 40 anni un po’ fa effetto, ma alla fine si tratta di un numero, perché la passione per il ciclismo è intatta. Certo, devo essere realista e sapere che il tempo scorre, che con l’età e con l’andare sempre in giro in bici accumulo qualche acciacco. Ma se non mi sentissi al massimo o con la possibilità di correre e ambire ancora ad altre vittorie avrei già lasciato”.

Ovviamente, spiega infatti che la decisione di arrivare alla soglia dei 40 anni, fino a continuare la propria carriera ad oltre 41 anni non è qualcosa a cui pensava inizialmente. Piuttosto una conseguenza di riflessioni maturate quasi anno per anno, vedendo e ascoltando le reazioni del proprio corpo: “Non avrei mai pensato di poter ottenere neanche la metà di quel che ho vinto, inoltre pensavo di starmene beato a casa a 32, 33 anni… Invece, ad aprile ne faccio 40…”

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.