© ZLM Tour

Jumbo-Visma, Dylan Groenewegen rivela: “Ho ricevuto minacce di morte per me e un cappio per nostro figlio”

Il periodo successivo al grave incidente al Giro di Polonia 2020 è stato difficilissimo per Dylan Groenewegen. Il neerlandese è fermo dalle corse dallo scorso agosto, quando con una sua manovra azzardata in volata ha causato una gravissima caduta del connazionale Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick-Step), finito contro le transenne ad altissima velocità. Il corridore della Jumbo-Visma è stato immediatamente squalificato dalla competizione ed è rimasto fermo in attesa di un verdetto, che ha stabilito il suo stop dall’attività agonistica per nove mesi. Ma l’aspetto sportivo e i sensi di colpa per quanto accaduto sono soltanto alcuni degli aspetti di una vicenda che ha subito i contorni di un incubo per il velocista.

Lo sprinter 27enne infatti ha rivelato dei retroscena da brividi sul periodo appena successivo all’incidente, confidando a Wielerflits di aver ricevuto “minacce di morte così concrete e gravi che abbiamo chiamato la polizia“. La situazione è stata ritenuta talmente grave da convincere le forze dell’ordine a pattugliare la porta per alcune settimane, fino al punto di scortare il corridore: “Quando volevo uscire, c’era un poliziotto al mio fianco così che non potesse succedere nulla”.

Il contenuto delle minacce ha raggiunto vette difficili da descrivere: “Abbiamo ricevuto per posta lettere scritte a mano, a cui è stato aggiunto anche un cappio su cui avremmo potuto appendere il nostro bambino quando sarebbe nato“. Groenewegen è diventato padre del piccolo Mayson circa quattro mesi dopo i fatti narrati. “Quando leggi il messaggio e vedi quel pezzo di corda provi davvero paura” ha candidamente ammesso il neerlandese.

Naturalmente le minacce hanno avuto delle conseguenze nella quotidianità del ciclista: “All’inizio hai davvero paura per te. Abbiamo un allarme in casa, e da allora ho iniziato ad avere i pensieri più folli nella testa. Un paio di volte abbiamo avuto un falso allarme, rischiavo di impazzire. Ricordo che una sera io e mia moglie andammo a cena con i miei genitori. In strada una macchina dietro di noi ha iniziato a fare gli abbaglianti e a guidare a zigzag dietro di noi. Alla fine, ci ha affiancato su una strada in cui non poteva. Ci ha preso il panico. Pochi istanti dopo, ha girato a destra. Non c’era niente di cui preoccuparsi. In quei momenti si iniziano a immaginare cose che non esistono“.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *