© Sirotti

EF, Michael Woods pronto al rientro dopo l’infortunio: “Sono quasi al 100%, tra due mesi sarò in forma”

Michael Woods è sicuramente uno dei corridori a cui il cambio di calendario è stato meno indigesto. Il corridore della EF Pro Cycling era stato vittima di un grave infortunio alla Parigi-Nizza 2020, in cui si era fratturato un femore con una caduta. La prospettiva di vedere sfumare i propri principali obiettivi stagionali, Tour de France 2020 e Tokyo 2020 su tutti, di certo aveva creato non pochi problemi al canadese, che con lo stop causato dal coronavirus e il conseguente rinvio degli eventi è invece tornato pienamente in corsa per tutte le competizioni a cui tiene. Anche grazie a un recupero lampo, potrebbe addirittura pensare di essere al via della Grande Boucle il prossimo 29 agosto, magari in appoggio di Rigoberto Uran e Sergio Higuita, capitani designati per la spedizione.

Il mio recupero sta andando molto bene, sono quasi al 100%” ha dichiarato con soddisfazione il bronzo mondiale a Innsbruck  2018, che sembra aver superato il momento peggiore: “Non posso ancora correre, ma posso fare tutto il resto. Posso passeggiare con mia figlia Max e andare in bicicletta. Mi sento completamente normale in sella, quindi sono molto contento dei progressi fatti. Il mio recupero è stato più veloce del previsto”.

In seguito Michael Woods ha passato in rassegna i dati relativi alla propria condizione fisica: “Sto facendo registrare gli stessi numeri che farei normalmente. Vedo questo periodo come se fosse fine ottobre o inizio novembre e dovessi correre il Tour Down Under a gennaio. Ho le stesse sensazioni in bici e lo stesso peso. C’è una leggera differenza di potenza tra la mia gamba destra e la sinistra, ma ora stanno per tornare uguali. Penso di poter essere in forma in due mesi. Sono uno che reagisce, nel bene e nel male“.

Infine il corridore della EF ha parlato delle proprie sensazioni durante la quarantena, soprattutto a seguito del grave infortunio: “È stato davvero strano, è pazzesca la sfortuna e la fortuna che ho avuto allo stesso tempo. Rompere il femore è stata probabilmente la cosa più dolorosa che mi sia capitata. Ho pensato subito alle Olimpiadi, al Tour, ad aver perso tutte queste opportunità. È stato il periodo più difficile durante l’infortunio. Ma poi andare in ospedale e vedere infermieri e dottori con le mascherine e realizzare quanto fosse insignificante il mio problema in relazione a cosa stava succedendo mi ha fatto vedere le cose in prospettiva. E poi non avrei potuto passare tutto quel tempo con mia figlia, con il fitto programma di viaggi che abbiamo per le corse”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giro del Delfinato 2020 Tappa 3 LIVEAccedi
+ +