© BORA-hansgrohe

BORA-hansgrohe, Enrico Poitschke: “Il nostro obiettivo principale è il Tour de France con Buchmann e Sagan”

Enrico Poitschke è uno dei DS di maggiore esperienza della BORA-hansgrohe. L’ex velocista tedesco ha iniziato a collaborare nel 2010 con la NetApp, piccola formazione che col passare degli anni si è evoluta arrivando fino ad essere oggi una delle superpotenze del ciclismo mondiale. Lo stop imposto dal COVID-19 rappresenta una novità per tutti, anche per i dirigenti delle squadre che si sono dovuti inventare il modo di gestire il gruppo a distanza e che ora devono provare a far tornare i conti con il nuovo calendario, che impone scelte importanti visti i numerosi eventi che si terranno nello spazio di pochi mesi.

Eravamo tutti in costante contatto. Il signor Denk e noi, i direttori sportivi, non abbiamo lasciato soli gli atleti, anche se viviamo tutti in aree diverse” ha esordito intervistato da radsport-news.com, aggiungendo che bisognerà sfruttare tutti i corridori per essere competitivi alla ripresa: “Abbiamo 27 corridori sotto contratto in squadra. Penso che ci concentreremo sui GT, i campionati del mondo e anche le Classiche. Non possiamo competere ovunque”.

Fin dalle prime corse sarà già importante essere in forma per loro: “Il Giro di Polonia è importante per noi, perché con Rafeal Majka, Maciej Bodnar e Pawel Poljanski tre polacchi fanno parte del nostro team, che sicuramente offre opportunità nel loro paese d’origine”.

Gli obiettivi principali sono però più avanti: “Come per la maggior parte delle squadre, il nostro obiettivo principale è il Tour de France. Emanuel Buchmann probabilmente correrà lì come capitano. L’anno scorso, ha perso per poco il podio. Emu è cresciuto molto, cosa che ha dimostrato ancora lo scorso venerdì quando ha dominato gli 8.848 metri in 7’28”. Potrebbe salire sul podio a settembre. Vogliamo aiutare il nostro campione del mondo Peter Sagan a conquistare la maglia verde del miglior velocista per l’ottava volta. Con Pascal Ackermann e Cesare Benedetti, abbiamo anche in squadra corridori che possono essere coinvolti negli sprint intermedi”.

Maximilian Schachmann deve invece ancora guadagnarsi il posto: “Certo, sta anche lottando per un posto nella squadra al Tour. Tuttavia, avrà anche la possibilità di diventare capitano in altre gare. È un uomo molto importante nel nostro team ed è sicuro di vincere qualche gara in più”.

Purtroppo, le limitazioni imposte dal governo hanno lasciato pochissime corse in calendario in Germania, ma Poitschke non si rammarica più di tanto: “Le autorità tedesche hanno sostanzialmente limitato lo sport fino ad agosto. Dobbiamo accettarlo perché la salute è fondamentale. Spero che recupereremo tutto l’anno prossimo. Tuttavia, spero che le nostre classiche Eschborn-Francoforte e Amburgo siano ancora pubblicizzate”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.