Wollongong 2022, Mathieu van der Poel: “Ammetto di aver sbagliato, ma non ho spinto nessuno e non volevo far male alle ragazze”

Mathieu van der Poel racconta le sua versione dei fatti su quanto accaduto a Wollongong 2022. Il corridore neerlandese era stato infatti arrestato e poi rilasciato la notte prima della prova in linea, che aveva poi abbandonato dopo soli 30 km, dopo un alterco con due ragazze. Inizialmente sembrava che il corridore della Alpecin-Deceuninck fosse costretto a rimanere a lungo in Australia con il passaporto sequestrato, ma poi gli è stato permesso di tornare ed è stato condannato solo a pagare una multa. Tornato nei Paesi Bassi proprio nel giorno in cui le ragazze coinvolte hanno pubblicato dei video di quella notte, il classe ’95 è stato atteso dai media del suo paese (che pure non gli hanno risparmiato critiche) in aeroporto e ha raccontato la sua versione.

L’Australia me la immaginavo diversa. Ammetto di aver sbagliato, ma non volevo far male a quelle ragazze – ha esordito a VTM prima di ammettere di averne presa una per un braccio – Ma non con l’intenzione di farle del male. Chi mi conosce sa che non ho mai fatto del male a nessuno. Le voci sul fatto che io le abbia spinte sono false. Ci sono due versioni diverse della storia, solo che dall’Australia era difficile confutarla. Mi dispiace e ho sbagliato. Non avrei dovuto farlo, ma purtroppo è successo. Avrei dovuto chiamare la reception o avvisare qualcuno, ma ho pensato di poterla risolvere da solo. Si è rivelata la scelta sbagliata. Ora sta a me mettermelo alle spalle. Sono già felice di essere tornato a casa, dove posso trovare un po’ di pace e tranquillità”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button