© Sirotti

Vuelta a España 2019, Nairo Quintana: “Stare a ruota e vedere cosa accade è facile, ma io volevo attaccare, perché se non ci provi, non sai quali sono le tue possibilità”

Nairo Quintana ci ha provato nella tredicesima tappa della Vuelta a España 2019, ma è stato rimbalzato dall’Alto de los Machucos. Il corridore della Movistar, però, non è crollato ed è riuscito a chiudere insieme al compagno di squadra Alejandro Valverde a 27 secondi dalla coppia slovena composta dal vincitore di tappa Tadej Pogacar (UAE Emirates) e dalla maglia rossa Primoz Roglic (Jumbo-Visma). Il colombiano, come già aveva fatto il suo compagno Valverde, ha ammesso la netta superiorità dell’attuale leader della generale in questa fase della corsa e poi ha spiegato il suo tentativo di attacco a metà dell’ultima salita.

Ci abbiamo provato, ma Roglic ha dimostrato di essere il più forte in questo momento. Ho provato ad attaccare a metà salita perché ero uno di quelli più indietro in classifica e mi sentivo bene in quel momento. È facile stare alla ruota degli altri e vedere cosa accade, ma io volevo attaccare, perché se non ci provi non sai come stai e quali sono le tue possibilità. La speranza è che così non possano dire che rimani nel mezzo, senza crollare, ma anche senza provarci”.

In un’inedita versione battagliera, poi, il sudamericano si è detto pronto a mettere in atto nuove tattiche, magari anche attaccando da lontano: “Ora abbiamo visto la gamba di tutti e dobbiamo provare nuove strategie. Vedremo se ci sarà possibilità di fare un altro attacco dalla distanza. Ci sono ancora molte tappe decisive davanti a noi e non sarà la facile, la situazione è complessa in questo momento. L’unica cosa che so è che continueremo a provarci”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.