© Sirotti

Vuelta a España 2019, Alejandro Valverde: “Gli Astana hanno salvato la maglia di Roglic”

Alejandro Valverde perde una posizione ma non il sorriso alla Vuelta a España 2019. Davanti a sé infatti ora ha il compagno Nairo Quintana, ricreando così una soluzione tattica importante in vista delle ultime tappe di montagna al termine di una tappa in cui la Movistar è stata la grande protagonista di giornata con una tattica di corsa spregiudicata che ha rischiato di riscrivere la storia di questa edizione. Con il colombiano all’attacco all’interno di una maxi-fuga, Primoz Roglic (Jumbo-Visma) è andato per la prima volta in vera difficoltà, rischiando seriamente di perdere la Maglia Rossa conquistata sinora. A salvare lo sloveno son state le altre squadre interessate al podio, che si sono assunte l’onere della corsa quando la Jumbo-Visma era ormai battuta.

“La Jumbo cercava di chiudere ma non ci riusciva e questo per noi era un momento molto favorevole – commenta – In salita abbiamo accelerato per ridurre gli uomini che potevano tirare, ma gli Astana stavano bene e continuavano ad avere uomini davanti. È evidente che la Astana ha salvato la maglia di Roglic, ma qui ognuno deve lottare anche per i suoi interessi[…] Dobbiamo essere contenti, era un giorno propizio per i ventagli e grazie a questi siamo riusciti ad avere nuovamente Nairo nel pieno della lotta per la classifica. Tatticamente siamo stati perfetti e ora abbiamo due carte molto buone da poterci giocare”.

E pensare che inizialmente in quel tentativo avrebbe voluto provare ad esserci anche lui: “La spaccatura si è creata subito – rivela – Io ero davanti, ma quando son partiti si sono mossi sul lato sinistro della strada. Io non sono riuscito ad entrare perché è successo quasi per caso e non c’era modo di reagire in quel momento. La Jumbo ci ha provato, ma non è stato possibile”.

220 chilometri vissuti ad altissima intensità che possono ora pesare nelle gambe nella giornata di domani. “Molti hanno sofferto molto ad andare a tutta oggi e domani chissà come andrà, soprattutto per coloro che hanno tirato tutto il giorno – aggiunge – Io non ho mai tirato e son stato sempre a ruota”.

Ovviamente, dopo una giornata come questa il morale è alto e domani la Movistar si presenta con rinnovate ambizioni, ricordando il monito per cui “tutto può succedere“. Il ritardo è ancora di 2’48”, ma oggi si è visto che capovolgere la corsa non è impossibile. “Ovvio che questa Vuelta si può ancora vincere, lo dico tutti i giorni”, conclude.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.