Tour de France 2019, Viviani onora l’avversario: “È stato più forte”

Elia Viviani si è fermato anche oggi a un passo dal successo di tappa al Tour de France 2019. L’insidioso finale di Albi, in leggera salita, valido per la decima tappa della rassegna francese, ha visto il velocista italiano della Deceuninck-Quick-Step doversi inchinare ad uno straordinario Wout van Aert. Il belga è riuscito a sorpassarlo proprio negli ultimi metri, con un colpo di reni degno di uno sprinter consumato. Si tratta quindi di un’altra delusione per Viviani dopo il sesto posto sfortunato di Chalon-sur-Saône, che lo lascia, al momento, con il solo successo di Nancy al proprio attivo.

“Ha vinto il più forte – ha affermato ai microfoni di Rai SportSono dispiaciuto perché era una bella occasione. Per un attimo sono ho messo la mia ruota davanti, ma poi lui è rientrato quando sono andato in acido lattico”.

Il finale, reso caotico dai ventagli, non è stato facile da gestire: “L’obiettivo a un certo punto era quello di guadagnare il più possibile in classifica con Alaphilippe, ma io sono rimasto con Richeze. La volata è stata un testa a testa e lui è stato più forte“. La strada in leggera salita non lo ha comunque favorito: “Gli arrivi sono questi, abbiamo fatto bene ma abbiamo trovato un van Aert con un colpo di reni in più“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.