Giro d’Italia 2023, la Ineos con un poker d’assi guidato da Filippo Ganna e Geraint Thomas

Comincia a prendere forma la Ineos Grenadiers per il Giro d’Italia 2023. Con Egan Bernal che si prepara al riscatto in una stagione in cui appare rivolto al Tour de France, la Corsa Rosa è comunque terreno di caccia per alcuni nomi di rilievo della corazzata britannica. Grazie alle tre cronometro in programma appare infatti quasi certa la partecipazione di Filippo Ganna, intenzionato a rimpinguare il suo già ottimo bottino nel primo GT stagionale, così come sin dalle scorse settimane ha manifestato il suo interesse Geraint Thomas. Reduce dal podio alla Grande Boucle la scorsa estate, il corridore gallese ha riscattato le delusioni delle due stagioni precedenti e punta ora ad una nuova sfida in una corsa con la quale può aggiungere un’altra importante riga al suo palmarès.

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, a questi due nomi si aggiungono altri due potenziali uomini di classifica, che in questo 2022 ormai agli sgoccioli hanno dimostrato un grande passo avanti, specialmente nei GT, riuscendo entrambi a concludere nei primi dieci la Vuelta a España. Si tratta di Carlos Rodriguez e Thymen Arensman, due talenti della nuova generazione che andranno così a rappresentate due luogotenenti di lusso al fianco del gallese, rappresentando ovviamente anche due potenziali alternative di spessore nel caso il vincitore del Tour 2018 dovesse avere qualche difficoltà. Ne uscirebbe così un tridente molto interessante, che anche tatticamente potrebbe provare a mettere i bastoni fra le ruote agli eventuali favoriti di prima fascia, che attualmente sembrano essere Remco Evenepoel e Primoz Roglic, le cui partecipazioni sono comunque ancora da ufficializzare.

Scegli la tua squadra per il FantaCiclismo Donne 2023! Montepremi minimo di 500!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button