BEKING Monaco, Primoz Roglic vince tra un parterre di campioni in nome della solidarietà e della mobilità sostenibile

Primoz Roglic conquista la BEKING Monaco. Il portacolori della Jumbo-Visma trionfa davanti a Sonny Colbrelli (Bahrain-Victorious) e Tadej Pogacar (Uae-Team Emirates) nella prima edizione della competizione ideata da Matteo Trentin in collaborazione con AWE International Group e Live Your Passione. Il circuito da 1,3km da ripetere 40 volte con un parterre di campioni è stata l’occasione perfetta per sensibilizzare sul tema della solidarietà e della mobilità sostenibile. A precedere questa gara, una cronosquadre che vedeva coinvolti 12 squadre formate da amatori e professionisti per raccogliere fondi in favore della Fondazione Michele Scarponi e per la fondazione monegasca. Una giornata interamente dedicata alla bicicletta, volta ad accogliere anche e soprattutto i bambini.

Pur essendo una corsa sostanzialmente di esibizione, Roglic non ha voluto deludere i presenti e si è portato a casa la prima edizione: “È stata una corsa rapida e dura fin da subito e agli ultimi giri sono rimasti davanti i migliori – ha raccontato lo sloveno, dando ampia importanza anche al tema sociale della corsa – Fa sempre piacere vincere e credo che questo sia stato un bellissimo evento, è stato importante partecipare ed essere coinvolto per questa causa”. Nelle sue dichiarazioni c’è spazio anche per un breve resoconto della sua stagione: “È stata l’ultima gara di una stagione che per me ha avuto degli alti e dei bassi, ora sto iniziando piano piano a prepararmi in vista della prossima”.

Non ha vinto, ma la sua vittoria oggi l’ha portata a casa lo stesso con questa splendida iniziativa, Matteo Trentin, felice e soddisfatto per come è andata la giornata: “Il successo di questa prima edizione ci fa molto piacere e ci ricompensa delle fatiche fatte per organizzarlo e ci incoraggia a lavorare già per il prossimo anno. L’idea alla base di Beking non era quella di un evento per i professionisti, ma di una giornata dedicata alla bicicletta alla quale volevamo che le persone partecipassero in bicicletta insieme ai bambini. La gara è stata molto bella, soprattutto quando hai il gotha del ciclismo mondiale è già un grande risultato e il circuito è stato pensato per far divertire tutti, non soltanto i professionisti”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *