Volta a Catalunya 2024, Wout Poels denuncia: “Cortina mi ha tirato un pugno, ho litigato anche con Quintana”

Momenti di tensione alla Volta a Catalunya 2024 tra Wout Poels e due corridori della Movistar. Intervenuto nel podcast In Koers di AD, il neerlandese della Bahrain Victorious ha raccontato due brutti episodi nei quali è rimasto coinvolto durante la recente corsa spagnola, da lui conclusa appena fuori dalla top-10 finale, in undicesima posizione. Il primo e sicuramente più grave fatto ha visto come protagonista Ivan Garcia Cortina, che nel corso della penultima tappa è arrivato addirittura a tirare un pugno sul braccio del 36enne, mentre il secondo, avvenuto in realtà in precedenza, riguarda un litigio con Nairo Quintana.

“Il penultimo giorno, dopo tredici chilometri, c’era una discesa tecnica sul percorso – ha raccontato Poels – Tutti volevano stare davanti, quindi era affollato. Poi è intervenuto Ivan Cortina della Movistar poco prima della vetta. Si è sollevato e mi ha sferrato un pugno sulla parte superiore del braccio. Mi ha colpito davvero forte e mi ha fatto un bel po’ male. Quindi ho avuto una grande discussione con lui. Ho chiesto perché lo ha fatto. Ha detto che con me è sempre la stessa vecchia storia. Ma non vado mai in salita con lui, perché di solito si è già staccato”.

Mi è rimasto in testa per il resto della giornata e non volevo che la facesse franca – ha proseguito l’esperto corridore neerlandese – Parliamo molto con il CPA della sicurezza del ciclismo. Spesso critichiamo gli organizzatori perché i percorsi non sono sicuri e poi c’è un corridore che ti sferra un pugno. Non è possibile. Ho trovato la giuria e ho presentato una denuncia. Se l’è cavata con una multa di 300 franchi svizzeri e alcuni punti UCI. Per me è stato un po’ deludente”.

In una delle prime tappe, il classe 1987 aveva invece avuto un alterco con Quintana: “Eravamo su una salita finale e mi sentivo bene. Volevo spostarmi, stare vicino a Tadej Pogacar, ma nessuno mi ha lasciato stare in mezzo. Così ho deciso di stare dietro a Enric Mas, accanto a Quintana. Questo era di per sé fastidioso per lui, ma non gli sono andato così vicino da provare a spingerlo via. Ad un certo punto mi ha dato una gomitata e ho litigato con lui“. Poels ha comunque risposto per le rime al colombiano, tirando in ballo la sua squalifica dal Tour de France 2022 per l’assunzione del tramadolo: “Ho detto che stava sicuramente assumendo di nuovo il tramadolo, motivo per cui si comportava in modo così aggressivo“.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio