Soudal-QuickStep, anche Sanremo e Lombardia nel 2024 di Remco Evenepoel incentrato sul Tour de France

Il Giro d’Italia 2024 sembra ormai definitivo non esserci nell’anno di Remco Evenepoel, ma non mancheranno comunque alcuni importanti appuntamenti nel nostro paese. Se la stagione del classe 2000 sarà essenzialmente costruita attorno al Tour de France, nel quale farà il suo esordio in un atteso confronto con Tadej Pogacar, Primoz Roglic e Jonas Vingegaard da acquolina in bocca, non mancheranno comunque altri obiettivi importanti, tra i quali trovano posto anche Milano – Sanremo e Il Lombardia, le due Monumento italiane che secondo Het Laastse Nieuws saranno nel suo programma cerchiate di rosso.

Leader di una Soudal – QuickStep sempre più costruita attorno a lui, il quasi 24enne fiammingo dovrebbe iniziare la sua stagione alla Volta ao Algarve, evitando così le prime corse di gennaio in vista di una primavera che si preannuncia più intensa rispetto al passato. Tra gli appuntamenti di spicco ci sarà la Parigi – Nizza, che rappresenterà un momento importante di approccio e conoscenza delle strade francesi, così come poi in estate lo sarà il Giro del Delfinato, ultimo appuntamento, al netto dei campionati nazionali che si svolgono subito dopo, della sua preparazione alla Grande Boucle.

Dopo la corsa del sole dovrebbe dunque arrivare un breve viaggio nel nostro paese per partecipare alla Classicissima, prima classica di un periodo che culminerà poi con la difesa del doppio titolo alla Liegi – Bastogne  – Liegi dopo aver anche affrontato per la prima volta l’intero Trittico delle Ardenne visto che son previste, o almeno anticipate, anche le partecipazioni ad Amstel Gold Race e Freccia Vallone.

Dopo la Doyenne dunque una pausa dalle corse, nella quale non mancheranno sicuramente ritiri in altura, in vista dei grandi appuntamenti dell’estate francese, che dopo il sogno di maglia gialla proseguirà, ovviamente, con i Giochi di Parigi. Nella rassegna a cinque cerchi Evenepoel andrà a caccia del doppio obiettivo, con tanto la cronometro quanto la prova in linea che appaiono obiettivi concreti.

Il finale di stagione al momento appare meno definito, ma ci sono due momenti chiave: il Mondiale di Zurigo, con il suo percorso per scalatori che gli permette nuovamente di puntare ad una possibile doppietta con la crono di cui è campione uscente, e quella Classica delle Foglie Morte per la quale sembra essere molto adatto, ma che ancora non gli sorride.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio