© Jumbo-Visma

Jumbo-Visma, Van Aert: “Spero di poter fare delle gare di ciclocross quest’inverno”

Un mese dopo la sua caduta durante la cronometro di Pau all’ultimo Tour de France, Wout van Aert non ha ancora abbandonato le stampelle. La sua riabilitazione è rimasta indietro e la lesione muscolare alla gamba ha conseguenze maggiori di quanto si potesse pensare. Il taglio all’anca è ancora attentamente monitorato dal medico della sua squadra Peter Verstappen e dal medico sportivo Toon Claes e il corridore belga sta facendo riabilitazione a casa e all’ospedale di Herentals, vicino a casa sua. Dunque se tutto andrà secondo i piani, il corridore della Jumbo-Visma rimarrà fermo per circa due mesi, il che avrà un grande impatto sulla sua massa muscolare, e l’obiettivo è recuperare una forma decente per dicembre. 

Van Aert ha parlato del suo recupero al Het Nieuwsbland: “In realtà sta andando bene. Dopo due settimane ho iniziato a camminare tranquillamente. Spero che il momento in cui posso lasciare le stampelle si avvicini – afferma il giovane belga – mi manca la bici. Comunque, avevo programmato una vacanza dopo il Tour. All’inizio non ero in grado di fare nulla, quindi non era poi così male. Ma ora la noia sta arrivando. Se degli amici, o chiunque altro, va in bicicletta sono geloso”.

Il percorso di riabilitazione è lungo e prevede esercizi senza, per ora, poter salire in bicicletta: “Per il momento mi limito a pochi piccoli esercizi a casa per la mobilità. Trascorro molto tempo in piscina a casa. Ci siamo appena trasferiti e abbiamo una piscina, quindi è utile. Questo è molto buono, perché ho poco carico lì e posso camminare senza stampelle, ovviamente – il campiona nazionale a cronometro sembra comunque reagire positivamente – devo prenderla davvero calma per le prime sei settimane senza dolore per dare al tessuto tendineo la possibilità di guarire completamente. E poi il carico può essere aumentato: poi diventa allenamento e ricostruirò la mia condizione attraverso il jogging acquatico e cose del genere. Ovviamente ora è molto al di sotto dello zero”.

L’obiettivo di Van Aert è poter disputare alcune gare di ciclocross quest’inverno per poter essere al massimo della forma in vista delle Classiche di Primavera: Spero ancora di poter fare un certo numero di gare di ciclocross quest’inverno. Se non altro come preparazione per la primavera. La grande difficoltà è che le gare di ciclocross richiedono molta più tensione all’anca e a tutti i muscoli colpiti rispetto al normale ciclismo su strada. Ma è la mia speranza segreta. L’obiettivo è davvero di raggiungere di nuovo il mio livello in primavera e preferibilmente un pò meglio”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.