INEOS Grenadiers, Egan Bernal non si mette pressione: “Non so se gareggerò quest’anno o il prossimo. Quando mi sentirò lo farò”

Egan Bernal è tornato oggi a fare il punto della situazione sul recupero dell’infortunio. Nei giorni scorsi era tornato a pedalare poco più di due mesi dopo il terribile incidente che lo aveva coinvolto a fine gennaio in Colombia, quando il campione della INEOS Grenadiers tamponò un autobus in fermata. Questo pomeriggio è comparso in una diretta su Instagram in occasione di una corsa virtuale organizzata da vari sponsor. Il giovane campione ha rimarcato le difficoltà nel tornare ad allenarsi: “Non sarò stupido a spremere il fisico più di quanto possibile perché tornerei indietro di settimane nel recupero, ma sento che il corpo risponde e farò tutto il possibile, seguendo le istruzioni degli esperti. Il recupero è stato così buono che posso andare in bicicletta senza alcun dolore. Mi sento peggio a camminare, che devo fare con un bastone, piuttosto che in bicicletta”.

Lui stesso è sorpreso della velocità del recupero: “È stato un miracolo poter essere di nuovo in sella alla bicicletta. Dobbiamo approfittarne e andare avanti”. Per quanto riguarda il ritorno alle corse, non si prefissa nulla: “Non ho ancora una data, al momento è molto complicato e sarebbe da irresponsabile da parte mia esercitare pressioni inutili su me stesso. Tutti saranno pazienti con me. Non cambierà nulla se gareggerò quest’anno o il prossimo. Quando mi sentirò bene lo farò, sarò il primo a fare pressione sulla squadra perché mi mandi a una gara, ma c’è ancora tempo perché ciò avvenga”, ha aggiunto rispondendo ai propri followers.

Infine ringrazia tutti quelli che lo sostengono e che hanno anche pregato per lui in questi mesi: “Serve tantissimo. Ho quella motivazione in più per ispirare le persone, e soprattutto i bambini. Ringrazio tutti per la loro energia positiva“.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio