© Mitchelton - Scott

Giro di California 2018, Mitchelton-Scott competitiva su più fronti

Mitchelton – Scott pronta a farsi notare anche al Giro di California 2018. Assoluta protagonista nel primo arrivo in salita del Giro d’ Italia 2018, la formazione australia mira a mettersi in mostra anche oltreoceano e si presenta con una formazione di tutto rispetto alla partenza della più importante corsa del Nuovo Mondo, in programma dal 13 al 19 maggio. La breve corsa a tappe statunitense ha ormai da qualche anno assunto notevole prestigio e, al cospetto di una startlist particolarmente competitiva, la compagine australiana non vuole certamente essere da meno.

I due leader della squadra saranno senza dubbio Caleb Ewan Adam Yates. Il velocista australiano non corre dalla Milano-Sanremo e, dopo un lungo periodo di allenamento, si schiera alla partenza del Giro di California con l’obbiettivo di rifinire la condizione in vista del Tour de France. La concorrenza dei velocisti è particolarmente ampia e agguerrita, ma il giovane australiano non sembra essere preoccupato: “Ci sarà un parterre veramente competitivo, ma noi abbiamo una squadra forte e con il treno abbiamo fatto un ottimo lavoro negli ultimi dieci giorni sulle strade intorno al Lago Tahoe; sarà bello avere l’opportunità di sfruttare tutto questo allenamento in gara”. L’australiano potrà infatti beneficiare di un treno particolarmente esperto nel preparare gli sprint, potendo contare sul supporto di corridori come Luka Mezgec Jack Bauer, con gli esperti Mathew Hayman, Michael HepburnRoger Kluge ad apportare il loro aiuto sin dalle prime fasi di gara.

Diverso invece l’ avvicinamento a questo corsa di Adam Yates. Anche il britannico viene da un lungo periodo di stop, dovuto però all’infortunio rimediato a fine marzo durante la quarta tappa della Volta a Catalunya. Consapevole di non poter essere ancora al massimo della forma, il giovane corridore inglese si presenta ai nastri di partenza della corsa californiana con la speranza di poter comunque ottenere un buon risultato, così come fece nel 2014, durante la sua ultima partecipazione: “Ho dei bei ricordi dell’ultima volta che sono stato qui. Avevamo una buona squadra e abbiamo concluso con una vittoria di tappa. Io sono arrivato quinto nella classifica generale, per questo non vedo l’ora di tornare”.

Poi il britannico continua con una riflessione sulla squadra e sul percorso: “Abbiamo una squadra molto forte con buone soluzioni per le diverse tappe e i diversi terreni. Inoltre, come nella mia ultima partecipazione, il percorso è molto stimolante. Sono passate solo sei settimane dalla mia caduta in Catalogna, ma ho recuperato al meglio e mi sento bene”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *