© Donostiako Klasikoa

Deceuninck-QuickStep, Alaphilippe riparte da zero: “Sto lavorando sodo per confermarmi”

Julian Alaphilippe punta a confermarsi dopo un 2018 che lo ha consacrato ad alti livelli. Vincitore della Freccia Vallone, della Classica di San Sébastian, di due tappe e della Maglia a Pois al Tour de France, il portacolori della Deceuninck-Quick Step ha come unico rimpianto l’assalto fallito alla maglia iridato. Sul tracciato di Innsbruck, dove pure è stato ottimamente pilotato da Romain Bardet e Thibaut Pinot, il 26enne di Saint-Amand-Montrond si è spento improvvisamente sul muro di Gramartboden, scollinando con un ritardo fatale che gli ha impedito di rientrare nel successivo tratto in discesa e lo ha costretto ad accontentarsi di un deludente – se confrontato con le aspettative della vigilia – ottavo posto finale.

In vista di una stagione nel quale cercherà l’assalto alla prima Monumento della sua carriera, dopo essere già salito sul podio di Milano-Sanremo, Liegi-Bastogne-Liegi e Il Lombardia, il due volte vincitore di tappa all’ultimo Giro dei Paesi Baschi si è così espresso: “L’anno scorso ho avuto un grande rendimento e sono stato continuo nei risultati – ha detto a Cyclingnews – e la differenza l’ha fatta la capacità di essermi sbloccato subito. Il successo ottenuto alla Colombia Oro y Paz mi ha dato grande morale e mi ha permesso di arrivare con fiducia agli obiettivi che mi ero prefissato, innescando una sorta di spirale di vittorie”.

Al sesto anno tra i professionisti, Alaphilippe sembra ormai aver trovato la piena maturità agonistica: “Che si tratti di una Monumento o di una tappa del Tour, è impensabile vincere subito. Ricordo ad esempio la mia prima Grande Boucle, nel 2016: ero sempre vicino alla vittoria, ma mi mancava qualcosa. Col passare degli anni ho guadagnato quel qualcosa che non avevo e ciò mi ha permesso di essere competitivo per i podi e per giocarmi i successi […] È chiaro che ora le aspettative siano diverse, non devo dimenticare quello che ho fatto lo scorso anno ma anche essere consapevole che non è affatto semplice avere delle stagioni simili”.

Vuelta a San Juan e Colombia Tour saranno i primi appuntamenti di un anno che lo vedrà puntare il mirino sul trittico delle Ardenne e sul Tour de France, passando prima per Strade Bianche (9 marzo) e Milano-Sanremo (23 marzo): “La preparazione è a buon punto e la prima gara si avvicina. Sono motivato a riprendere da dove ho lasciato […] Nel ciclismo le variabili sono molteplici, ma spero di superare quest’anno continuando a migliorare. La cosa più difficile è quella di restare ad alti livelli e la possibilità di riuscirci rappresenta un grande stimolo. Lavorerò duro per confermarmi”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scegli 20 corridori, costruisci la tua squadra per il Tour de France e vinci parte del montepremi di 31.000€!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.