© Diario Vasco

Bora-hansgrohe, Patxi Vila: “Invecchiando Sagan assomiglia sempre più a Boonen”

Che Peter Sagan sia un fenomeno è fuori discussione. Lo slovacco si appresta a vivere la sua decima stagione da professionista e, nonostante non abbia ancora 29 anni, conta già 109 vittorie da professionista. In bacheca può vantare una Parigi-Roubaix, un Giro delle Fiandre, tre Campionati del Mondo, tre Gent-Wevelgem e undici tappe al Tour de France, solo per citare alcuni dei suoi risultati più prestigiosi. Col passare degli anni sta acquisendo una consapevolezza e una maturità che potrebbero portarlo a restare ad alti livelli per diverse altre stagioni. Chi lo conosce bene è sicuramente Patxi Vila, suo allenatore e direttore sportivo dal 2015, ai tempi della Tinkoff-Saxo.

L’ex corridore navarro vede nel corridore di Zilina un nuovo Tom Boonen che, viste le 119 vittorie in carriera, non impiegherà molto a raggiungere dal punto di vista numerico. Dal punto di vista del prestigio, però, i successi del belga, soprattutto nelle classiche del nord, sono ancora lontani: “Ho visto che Peter ha ancora fame di vittorie – spiega Vila a Het Nieuwsblad – Più invecchia più trovo somiglianze con Tom Boonen. Un obiettivo della sua stagione sarà sicuramente la maglia iridata, che trova sempre il modo di motivarlo molto”.

Ad accomunare i due, anche la mancanza della Milano-Sanremo dal loro palmarès. Sagan, però, ha ancora diversi anni per provare ad alzare le braccia al cielo nella Classicissima.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.