© Sirotti

Vuelta a España 2018, Top/Flop del giorno

La nostra rubrica che, tra il serio ed il faceto, traccia il bilancio della giornata appena conclusasi alla Vuelta a España 2018.

TOP

Rohan Dennis (BMC Racing Team): Si conferma il migliore in gara nell’esercizio bissando il successo nel prologo di Malaga. Sulle strade che portano a Torrelavega sfreccia a una media superiore ai 55 km/h e corre l’unico brivido quando Kruijswijk, partito oltre un’ora dopo di lui, si prende il lusso di battere il suo primo intermedio. Concluderà la sua spedizione iberica con due vittorie e con un giorno in Maglia Rossa. Per la classifica generale ripresentarsi in altra data.

Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo): Vola nei primi 10 chilometri, cala leggermente nel secondo e nel terzo segmento di tracciato ma la sua prestazione resta nettamente sopra le righe. Si ferma a un secondo dal podio di giornata e sale su quello virtuale della classifica generale, riducendo fino a 52” il gap che lo separa dalla Maglia Rossa. Forse in salita ha qualcosa in meno di chi lo precede e del tandem colombiano che, da oggi, lo insegue, ma da qui a Madrid potrà rivelarsi un cliente scomodo (e inatteso) per tutti.

Enric Mas (Quick-Step Floors): Inaugura con un sesto posto una terza settimana che, carta d’identità e trascorsi alla mano, dovrebbe rappresentare per lui una grossa incognita. Al secondo Grande Giro in carriera e ad appena 23 anni, lo spagnolo di Artà non smette di stupire e con la performance di oggi aggancia la top 5 sopravanzando addirittura Miguel Angel Lopez (Astana) e portandosi a soli 90 secondi dal leader Yates. Con l’appetito che ha dimostrato di avere, toglierlo dal tavolo dei grandi sarà un problema.

FLOP

Victor Campenaerts (Lotto Soudal): Fa notizia vedere il secondo favorito di giornata finire addirittura fuori dalla top ten. Il campione europeo nella specialità non trova mai un ritmo redditizio e perde settore dopo settore dai migliori, dovendosi accontentare di un 12° posto (a 1’17” da Dennis) che stride con il recente passato e con le qualità di cui dispone. Ancora una volta la cronometro di un Grande Giro lo respinge brutalmente.

Wilco Kelderman (Sunweb): Non riesce a riscattarsi neppure in una prova potenzialmente alla sua portata. L’olandese non ingrana, parte male e finisce in leggero crescendo, ma il 17° posto con cui conclude la sua prova non gli permette di tornare a vedere le prime dieci posizioni della classifica generale e gli impone di inventarsi qualcosa nei prossimi quattro giorni per rilanciare una spedizione finora deludente.

Miguel Angel Lopez Moreno (Astana): Non tanto per il ritardo accumulato (2’19”) dal vincitore, ampiamente pronosticabile alla vigilia, né per gli oltre 2” al cronometro che concede a Kruijswijk, quanto per aver perso due posizioni in un colpo solo, a vantaggio proprio dell’olandese e di Mas. Da domani ogni occasione sarà buona per riprendersi il terreno (e i secondi) perduti. A condizione di saperne approfittare.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.