© Team Bahrain-Merida/ @BettiniPhoto

Vuelta a España 2017, Nibali: “Distacchi che vogliono dire poco o nulla, ora occhio ai ventagli…”

Vincenzo Nibali sereno dopo la cronosquadre della Vuelta a España 2017. I 31 secondi persi nella giornata inaugurale sono poca cosa e il capitano della Bahrain – Merida è soddisfatto del risultato, sostanzialmente in linea con quanto previsto. Non ha perso molto e non ha guadagnato più di tanto rispetto ad altri rivali, con la classifica che si è effettivamente iniziata a delineare, ma senza scossoni, né per lui né per altri, tutto sommato. “Sono distacchi che vogliono dire poco o nulla“, ammette dopo il traguardo, ragionando sui rivali, sia coloro dai quali ha perso tempo, che coloro sui quali ha guadagnato qualcosa.

“La nostra è stata una prova secondo le aspettative – prosegue per la Gazzetta dello Sport – Sapevamo che da BMC, Quick-Step Floors e Sky, formazioni più attrezzate, avremmo perso qualcosa”. Qualche piccolo rimpianto in squadra, anche da parte del team manager Brent Copeland e del diesse Alberto Volpi, per aver lasciato qualche secondo di troppo nella seconda parte, in particolare nell’ultimo chilometro, non ha dunque rovinato il sonno in squadra.

Il pensiero tuttavia sicuramente è andato alla frazione odierna. Di quelle facili sulla carta, ma in cui tutto può succedere. Con il vento che potrebbe rivelarsi più decisivo di qualsiasi montagna e il pericolo cadute sempre dietro l’angolo. “C’è il rischio che i ventagli siano decisivi – analizza lo Squalo dello Stretto – Bisogna fare attenzione ai pericoli, a non cadere per non rovinare tutto prima ancora di cominciare”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.