© ASO/Pauline Ballet

Tour de France 2019, Pinot conquista il Tourmalet! Alaphilippe secondo e sempre in giallo. In difficoltà Thomas

Fuochi d’artificio al Tour de France 2019, con Thibaut Pinot che riesce a domare il Tourmalet. Il capitano della Groupama-FDJ è riuscito a staccare negli ultimi 200 metri Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick-Step), splendido secondo e sempre più in Maglia Gialla, e Steven Kruijswijk (Jumbo-Visma), con Emanuel Buchmann (Bora-hansgrohe) e Egan Bernal (Team Ineos) subito dietro. Difficoltà nel finale per Geraint Thomas (Team Ineos), che perde 36″, ma sono tanti i big a saltare. Crollo verticale per Romain Bardet (Ag2r La Mondiale), staccato già sul Col du Solour, mentre escono di classifica anche Adam Yates (Mitchelton-Scott) e Daniel Martin (UAE Emirates). Decisamente staccati anche Jakob Fuglsang (Astana) e soprattutto Enric Mas (Deceuninck-Quick-Step), Richie Porte (Trek-Segafredo) e Nairo Quintana (Movistar).

Subito dopo il via, il primo a muoversi con decisione è Simon Geschke (CCC Team), che però non riesce a fare la differenza. Cosa che invece fa Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), che prima si porta via Elie Gesbert (Arkéa-Samsic) e Peter Sagan (Bora-hansgrohe) e poi segue il contrattacco dello slovacco. I due amici di vecchia data, Nibali e Sagan, creano subito un bel buco e guadagnano circa 40″ sul gruppo, con il siciliano che scollina per primo sulla Cote de Lambatmale. Su di loro rientra però un nutrito gruppo di contrattaccanti, con Alexis Vuillermoz (Ag2r La Mondiale), Matej Mohoric (Bahrain-Merida), Matthieu Ladagnous (Groupama-FDJ), Carlos Verona (Movistar), Luis Leon Sanchez (Astana), Sergio Henao (UAE Emirates), Lennard Kamna (Sunweb), Tim Wellens (Lotto Soudal), Lilian Calmejane, Romain Sicard, Rein Taaramae (Total Direct Energie), Ilnur Zakarin, Marco Haller (Katusha-Alpecin), Guillaume Martin (Wanty-Gobert) e Elie Gesbert (Arkéa-Samsic). Geschke e Pierre-Luc Perichon (Arkéa-Samsic), invece, rimangono a bagnomaria per qualche chilometro, venendo poi ripresi dal gruppo.

La Groupama-FDJ gestisce il distacco dalla testa, tenendolo sempre attorno ai 2’30”, e la situazione rimane così fino a metà del Col du Soulor. La Movistar infatti dà vita ad un forcing importante, soprattutto grazie al ritmo di Andrey Amador (Movistar), che screma decisamente il gruppo. Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) rimane piantato, dicendo addio alle sue velleità di maglia gialla, e la stessa cosa capita ad Adam Yates (Mitchelton-Scott) poco dopo, con il fratello Simon che prova ad aiutarlo a limitare i danni. Prima dello scollinamento si stacca anche Fabio Aru (UAE Emirates), mentre davanti si scatena la bagarre. Wellens piazza l’accelerazione e alla sua ruota rimangono solo Nibali e Gesbert, con Zakarin che non riesce ad agganciarsi. Lo Squalo prova a contendergli il GPM, ma Wellens è più veloce e si prende i 10 punti. Il gruppo transita a 1’30” dal terzetto di testa e in discesa riescono a rientrare Yates e Aru.

Il gruppo Nibali non forza in pianura e viene ripreso da Sicard, Calmejane, Kamna, Verona e Zakarin, con Sicard che parte poi in contropiede nel disinteresse generale, visto che il gruppo è distante solo 45″. Ripresi tutti gli altri fuggitivi, ad esclusione di Gesbert e Calmejane, Sicard comincia il Tourmalet con 1’20” sul gruppo, composto da circa 40 corridori. Sulle prime rampe Gesbert torna su Sicard e lo stacca facilmente. Amador riprende la sua marcia, Yates si stacca di nuovo e con lui anche Patrick Konrad (Bora-hansgrohe), mentre Daniel Martin (UAE Emirates) resiste un paio di chilometri in più, prima di saltare a sua volta.

Ripreso Gesbert, a sorpresa, sul ritmo dei suoi stessi compagni, molla anche Nairo Quintana (Movistar) insieme ad Aru, ma a fare danni è soprattutto David Gaudu (Groupama-FDJ) che si mette in testa a martellare un ritmo importante. Pian piano mollano anche Richie Porte, Enric Mas e, successivamente, Alejandro Valverde (Movistar) e Jakob Fuglsang sul ritmo imposto da George Bennett (Jumbo-Visma), che preleva Gaudu. A due chilometri dall’arrivo arriva l’attacco di Buchmann e stavolta a perdere terreno è Thomas, insieme a Rigoberto Uran (EF Education First). Davanti rimangono quindi il tedesco, Kruijswijk, Alaphilippe, Bernal, Pinot e Mikel Landa (Movistar), che vanno avanti insieme fino ai 500 metri. Quando parte lo sprint, il basco va in difficoltà, mentre Pinot riesce a fare la differenza e vincere la tappa, con Alaphilippe che si accontenta del secondo posto e Kruijswijk del terzo.

Ordine d’arrivo Quattordicesima Tappa Tour de France 2019

1
3h 10′ 20”
2
+ 00′ 06”
3
+ 00′ 06”
4
+ 00′ 08”
5
+ 00′ 08”
6
+ 00′ 14”
7
+ 00′ 30”
8
+ 00′ 36”
9
+ 00′ 38”
10
+ 00′ 53”
11
+ 00′ 58”
12
+ 00′ 58”
13
+ 01′ 19”
14
+ 02′ 05”
15
+ 02′ 26”
16
+ 02′ 54”
17
+ 03′ 24”
18
+ 03′ 29”
19
+ 03′ 33”
20
+ 03′ 48”
21
+ 04′ 10”
22
+ 04′ 21”
23
+ 04′ 48”
24
+ 05′ 35”
25
+ 06′ 42”
26
+ 07′ 12”
27
+ 09′ 34”
28
+ 09′ 59”
29
+ 09′ 59”
30
+ 10′ 56”
31
+ 11′ 15”
32
+ 11′ 15”
33
+ 11′ 21”
34
+ 11′ 22”
35
+ 11′ 39”
36
+ 11′ 39”
37
+ 12′ 04”
38
+ 12′ 20”
39
+ 12′ 39”
40
+ 12′ 39”
41
+ 12′ 50”
42
+ 14′ 10”
43
+ 15′ 19”
44
+ 15′ 29”
45
+ 15′ 36”
46
+ 16′ 15”
47
+ 16′ 31”
48
+ 17′ 11”
49
+ 17′ 11”
50
+ 17′ 11”
51
+ 17′ 11”
52
+ 17′ 11”
53
+ 18′ 25”
54
+ 20′ 19”
55
+ 20′ 19”
56
+ 20′ 19”
57
+ 20′ 19”
58
+ 20′ 19”
59
+ 20′ 19”
60
+ 20′ 19”
61
+ 20′ 19”
62
+ 20′ 19”
63
+ 20′ 19”
64
+ 20′ 19”
65
+ 20′ 19”
66
+ 20′ 19”
67
+ 20′ 19”
68
+ 20′ 19”
69
+ 20′ 19”
70
+ 20′ 19”
71
+ 20′ 19”
72
+ 20′ 19”
73
+ 20′ 19”
74
+ 20′ 19”
75
+ 20′ 19”
76
+ 20′ 19”
77
+ 20′ 19”
78
+ 20′ 19”
79
+ 20′ 19”
80
+ 20′ 19”
81
+ 20′ 19”
82
+ 20′ 19”
83
+ 20′ 19”
84
+ 20′ 19”
85
+ 20′ 19”
86
+ 20′ 19”
87
+ 20′ 19”
88
+ 20′ 19”
89
+ 20′ 19”
90
+ 20′ 19”
91
+ 20′ 19”
92
+ 20′ 33”
93
+ 20′ 33”
94
+ 20′ 36”
95
+ 20′ 39”
96
+ 20′ 39”
97
+ 20′ 53”
98
+ 21′ 04”
99
+ 21′ 04”
100
+ 21′ 04”
101
+ 21′ 13”
102
+ 21′ 15”
103
+ 21′ 34”
104
+ 21′ 39”
105
+ 21′ 51”
106
+ 21′ 55”
107
+ 22′ 15”
108
+ 22′ 15”
109
+ 22′ 15”
110
+ 22′ 15”
111
+ 22′ 21”
112
+ 22′ 28”
113
+ 22′ 59”
114
+ 23′ 11”
115
+ 23′ 21”
116
+ 23′ 27”
117
+ 23′ 35”
118
+ 23′ 52”
119
+ 24′ 02”
120
+ 24′ 02”
121
+ 24′ 07”
122
+ 24′ 15”
123
+ 24′ 18”
124
+ 24′ 18”
125
+ 24′ 18”
126
+ 24′ 18”
127
+ 24′ 18”
128
+ 24′ 24”
129
+ 24′ 24”
130
+ 24′ 24”
131
+ 24′ 24”
132
+ 24′ 24”
133
+ 24′ 24”
134
+ 24′ 24”
135
+ 24′ 24”
136
+ 24′ 24”
137
+ 24′ 24”
138
+ 24′ 24”
139
+ 24′ 24”
140
+ 24′ 24”
141
+ 24′ 24”
142
+ 24′ 39”
143
+ 25′ 42”
144
+ 25′ 47”
145
+ 25′ 47”
146
+ 25′ 53”
147
+ 26′ 21”
148
+ 26′ 30”
149
+ 26′ 35”
150
+ 26′ 35”
151
+ 27′ 09”
152
+ 27′ 09”
153
+ 27′ 09”
154
+ 27′ 09”
155
+ 27′ 09”
156
+ 27′ 09”
157
+ 27′ 09”
158
+ 27′ 26”
159
+ 27′ 30”
160
+ 27′ 30”

Classifica Generale

1
56h 11′ 29”
2
+ 02′ 02”
3
+ 02′ 14”
4
+ 03′ 00”
5
+ 03′ 12”
6
+ 03′ 12”
7
+ 04′ 24”
8
+ 05′ 22”
9
+ 05′ 27”
10
+ 05′ 38”
11
+ 06′ 14”
12
+ 06′ 49”
13
+ 07′ 17”
14
+ 07′ 19”
15
+ 09′ 03”
16
+ 09′ 50”
17
+ 09′ 55”
18
+ 10′ 37”
19
+ 11′ 00”
20
+ 11′ 19”
21
+ 13′ 23”
22
+ 17′ 13”
23
+ 18′ 32”
24
+ 23′ 39”
25
+ 25′ 54”
26
+ 26′ 05”
27
+ 26′ 29”
28
+ 29′ 11”
29
+ 30′ 02”
30
+ 34′ 44”
31
+ 34′ 46”
32
+ 34′ 56”
33
+ 36′ 50”
34
+ 37′ 03”
35
+ 40′ 10”
36
+ 42′ 35”
37
+ 42′ 56”
38
+ 43′ 04”
39
+ 43′ 22”
40
+ 45′ 42”
41
+ 46′ 26”
42
+ 47′ 26”
43
+ 48′ 26”
44
+ 48′ 55”
45
+ 49′ 14”
46
+ 49′ 31”
47
+ 50′ 40”
48
+ 52′ 17”
49
+ 52′ 28”
50
+ 53′ 10”
51
+ 54′ 59”
52
+ 55′ 19”
53
+ 55′ 23”
54
+ 56′ 08”
55
+ 56′ 22”
56
+ 58′ 20”
57
+ 01h 00′ 19”
58
+ 01h 01′ 13”
59
+ 01h 02′ 00”
60
+ 01h 02′ 16”
61
+ 01h 02′ 57”
62
+ 01h 03′ 48”
63
+ 01h 05′ 28”
64
+ 01h 05′ 51”
65
+ 01h 07′ 07”
66
+ 01h 07′ 13”
67
+ 01h 08′ 21”
68
+ 01h 09′ 03”
69
+ 01h 10′ 07”
70
+ 01h 10′ 19”
71
+ 01h 11′ 48”
72
+ 01h 14′ 59”
73
+ 01h 16′ 50”
74
+ 01h 17′ 27”
75
+ 01h 17′ 43”
76
+ 01h 18′ 39”
77
+ 01h 19′ 14”
78
+ 01h 19′ 35”
79
+ 01h 19′ 52”
80
+ 01h 19′ 57”
81
+ 01h 20′ 12”
82
+ 01h 21′ 55”
83
+ 01h 22′ 18”
84
+ 01h 26′ 23”
85
+ 01h 28′ 34”
86
+ 01h 29′ 15”
87
+ 01h 29′ 36”
88
+ 01h 30′ 15”
89
+ 01h 30′ 33”
90
+ 01h 32′ 31”
91
+ 01h 36′ 04”
92
+ 01h 36′ 35”
93
+ 01h 37′ 36”
94
+ 01h 37′ 43”
95
+ 01h 37′ 54”
96
+ 01h 38′ 14”
97
+ 01h 38′ 40”
98
+ 01h 38′ 48”
99
+ 01h 39′ 37”
100
+ 01h 39′ 43”
101
+ 01h 40′ 29”
102
+ 01h 40′ 58”
103
+ 01h 41′ 41”
104
+ 01h 41′ 56”
105
+ 01h 43′ 20”
106
+ 01h 43′ 51”
107
+ 01h 45′ 49”
108
+ 01h 46′ 00”
109
+ 01h 46′ 11”
110
+ 01h 46′ 22”
111
+ 01h 47′ 16”
112
+ 01h 48′ 23”
113
+ 01h 48′ 52”
114
+ 01h 49′ 56”
115
+ 01h 50′ 44”
116
+ 01h 53′ 58”
117
+ 01h 55′ 58”
118
+ 01h 56′ 06”
119
+ 01h 57′ 48”
120
+ 01h 58′ 58”
121
+ 02h 02′ 35”
122
+ 02h 02′ 48”
123
+ 02h 03′ 36”
124
+ 02h 05′ 07”
125
+ 02h 05′ 47”
126
+ 02h 06′ 15”
127
+ 02h 06′ 31”
128
+ 02h 06′ 34”
129
+ 02h 06′ 37”
130
+ 02h 06′ 51”
131
+ 02h 07′ 05”
132
+ 02h 08′ 06”
133
+ 02h 08′ 17”
134
+ 02h 08′ 43”
135
+ 02h 08′ 59”
136
+ 02h 10′ 19”
137
+ 02h 10′ 48”
138
+ 02h 12′ 59”
139
+ 02h 13′ 12”
140
+ 02h 13′ 19”
141
+ 02h 14′ 07”
142
+ 02h 14′ 35”
143
+ 02h 16′ 23”
144
+ 02h 16′ 30”
145
+ 02h 17′ 44”
146
+ 02h 18′ 13”
147
+ 02h 18′ 19”
148
+ 02h 18′ 24”
149
+ 02h 18′ 35”
150
+ 02h 19′ 41”
151
+ 02h 19′ 51”
152
+ 02h 19′ 51”
153
+ 02h 20′ 00”
154
+ 02h 20′ 15”
155
+ 02h 20′ 49”
156
+ 02h 21′ 22”
157
+ 02h 21′ 31”
158
+ 02h 21′ 44”
159
+ 02h 22′ 09”
160
+ 02h 22′ 14”
161
+ 02h 26′ 34”
162
+ 02h 33′ 00”
163
+ 02h 35′ 21”
164
+ 02h 46′ 15”
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.