LINK UTILI GIRO D'ITALIA 2021
GUIDASTARTLISTNOTIZIERISULTATICLASSIFICA
© Photonews

Freccia del Brabante 2021, Tom Pidcock beffa Wout Van Aert e Matteo Trentin!

Tom Pidcock conquista la Freccia del Brabante 2021. Il corridore della Ineos Grenadiers ha bruciato nettamente allo sprint Wout Van Aert (Jumbo-Visma) e il nostro Matteo Trentin (UAE Team Emirates). Proprio il corridore italiano della UAE Team Emirates aveva provato l’azione solitaria ad una trentina di chilometri dal traguardo ma era stato raggiunto dagli altri due, andando così a formare il terzetto che si è giocato la corsa in una volata nella il giovane britannico è stato nettamente più brillante. Mentre è Ide Schelling (Bora-hansgrohe) ad aggiudicarsi lo sprint tra gli inseguitori, arrivati vicinissimi ai primi tre.

I primi chilometri vedono diversi scatti da parte di corridori di numerose squadre, senza che nessuno riesca a prendere il largo. Servono una trentina di chilometri per vedere la formazione della fuga di giornata, che comprende Bryan Coquard (B&B Hotels), Andreas Leknessund (DSM), Jordi Meeus (Bora-Hansgrohe), Julian Mertens (Sport Vlaanderen-Baloise), Emmanuel Morin (Cofidis), Ludovic Robeet (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team), Kévin Van Melsen (Intermarché-Wanty Gobert Materiaux) e Brent Van Moer (Lotto Soudal). Questo drappello assume quattro minuti di margine prima che la Jumbo-Visma si metta in testa a tirare. In ogni caso, il vantaggio massimo si attesta sui 6’20” a un centinaio di chilometri dall’arrivo, quando il ritmo nel plotone comincia ad aumentare.

Sul Moskesstraat la corsa si movimenta: se davanti i nove fuggitivi restano insieme, dal gruppo partono Robert Stannard (Team BikeExchange) e Sven Erik Bystrom (UAE Team Emirates), sui quali si riportano in un secondo momento Rémi Cavagna (Deceuninck-QuickStep) e Toms Skujins (Trek-Segafredo), a cui resta agganciato solo per qualche minuto anche Stan Dewulf (Ag2r Citroen) prima di perdere presto contatto. In testa alla corsa si stacca invece Coquard, che viene ripreso dagli inseguitori, in una fase che vede, alle spalle dei battistrada, riunirsi i due gruppi dei più immediati inseguitori, segnalati a poco più di trenta secondi di ritardo. Dopo una nuova serie di scatti, all’inseguimento troviamo dunque Rémi Cavagna (Deceuninck-QuickStep), Benoît Cosnefroy (Ag2r Citroen), Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Robert Stannard (Team BikeExchange), Toms Skujiņš (Trek-Segafredo), Sven Erik Bystrøm (UAE Team Emirates) e Oscar Riesebeek (AFC). Questo gruppetto trova un buon accordo e riesce a proseguire nella sua azione, raccogliendo sulla sua strada anche Julian Mertens, che nel frattempo ha perso contatto da una testa della corsa sempre più vicina, quando si entra negli ultimi due giri di corsa.

In gruppo, poco prima del nuovo passaggio sul muro in pavé di Hertstraat si registra una bruttissima caduta che vede coinvolti molti corridori tra cui Florian Sénéchal (Deceuninck-QuickStep), Michael Matthews (Team BikeExchange) e Kévin Geniets (Groupama-FDJ), che sembra aver riportato le conseguenze peggiori. Immediatamente da dietro provano ad accelerare Thomas Pidcock (Ineos Grenadiers), Wout van Aert (Jumbo-Visma) e Matteo Trentin (UAE Team Emirates) che rimontano velocemente e si uniscono al gruppo in testa alla corsa, che nel frattempo si è ricompattato. In una fase nuovamente molto combattuta, caratterizzata da scatti e controscatti continui, molti corridori perdono così inevitabilmente contatto con i primi, rafforzati dai nuovi arrivati. In una situazione che vede tanti gruppetti di corridori sparsi a pochi secondi l’uno dall’altro, Matteo Trentin prova ad allungare ulteriormente quando mancano circa una trentina di chilometri all’arrivo, guadagnando circa 15 secondi al suono della campanella.

Appena inizia per l’ultima volta il tratto di Hertstraat, alle sue spalle parte Thomas Pidcock, subito seguito da Wout van Aert che reagisce prontamente. I due riescono così a portarsi rapidamente su Trentin, andando a formare così un terzetto al comando. Alle loro spalle, sul muro di Moskesstraat, sono Benoît Cosnefroy (Ag2r Citroen) e Dylan Teuns (Bahrain Victorious) a cercare un disperato tentativo per riportarsi su di loro,  ma vengono ripresi dagli altri sul penultimo tratto in pavé, quando ormai è chiaro che a giocarsi la vittoria saranno i tre uomini di testa. La corsa quindi si decide sull’ultimo strappo, quando Van Aert prende in testa l’ultimo chilometro e lancia per primo la volata, ma è Pidcock che riesce a superarlo nettamente e a conquistare il successo.

Risultato Freccia del Brabante 2021

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.