Giro d’Italia 2021, Egan Bernal: “L’importante era limitare le perdite”. E sulle condizioni fisiche: “Ho più dolore alle gambe che alla schiena”

Si è aperto con un 40esimo posto il Giro d’Italia 2021 di Egan Bernal. Lo scalatore colombiano, all’esordio assoluto nella Corsa Rosa, ha concluso la cronometro di Torino con un tempo simile a quello di alcuni dei suoi rivali per la classifica generale, perdendo solo un secondo da corridori come Simon Yates (Team BikeExchange) e Hugh Carthy (EF Education-Nippo) e cinque dal compagno di squadra Pavel Sivakov. Un risultato discreto per il 24enne della Ineos Grenadiers, vincitore del Tour de France nel 2019, il cui avvicinamento al Giro non è stato semplice a causa dei dolori alla schiena di cui soffre dalla Grande Boucle dello scorso anno.

“Non avevamo in mente un tempo, semplicemente avevo deciso di fare la tappa al massimo – ha dichiarato Bernal ai microfoni di CyclingPro.net – Il Giro d’Italia è appena iniziato e sapevamo che avrei perso del tempo qui, ma l’importante era limitare le perdite“.

Il colombiano ha poi parlato delle sue condizioni fisiche: “Sto bene, sento ancora qualcosa, ma la verità è che ho più dolore alle gambe che alla schiena. Sono sicuro che sarà un Giro molto interessante, con tappe molto difficili. Sarà molto bello”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.