© Roberto Bettini / Bettiniphoto / QuickStep Floors

Adriatica Ionica Race 2018, bis di Viviani al termine di una “strana” volata: “Si sentiva la fatica”

Elia Viviani ha confermato anche oggi alla Adriatica Ionica Race 2018 la sua ottima annata. Il velocista veneto della Quick-Step Floors si è aggiudicato infatti anche, dopo la seconda tappa, la quarta della corsa italiana portando a dodici i propri successi stagionali, tanto che nessun altro ha vinto come lui finora in questa stagione. A questo punto, Viviani ha le mani sulla classifica a punti, con ben 27 lunghezze di vantaggio su Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo) e 28 su Simone Consonni (UAE Team Emirates), con la concreta possibilità di imporsi ancora domani.

Dopo il tappone dolomitico di ieri si sentiva la fatica, ma le gambe hanno risposto bene nonostante i 230 km di gara, una distanza che si avvicina a quella delle Classiche – ha esordito al termine della tappa, magistralmente condotta ancora una volta da uno squadrone belga in pieno controllo – La volata è stata strana: alla rotonda, Cavendish ha fatto il buco per il compagno di squadra Renshaw. Alla sua ruota c’era Hodeg e io ho scelto subito di seguirlo: una decisione che si è rivelata azzeccata“.

La tappa di oggi è stata caratterizzata da alcuni tratti di sterrato, che però non hanno condizionato l’andamento della corsa: “Non si può dire che mi sia trovato a mio agio, ma sapevo come condurre la bici, anche perché la settimana scorsa abbiamo affrontato una gara in Belgio con un fondo simile. Ieri vedere le Dolomiti al tramonto è stato incantevole, anche per i miei compagni di squadra. Oggi ho percorso strade che conosco bene, perché siamo vicini alla casa della mia fidanzata Elena Cecchini. Anche queste sono zone stupende ed è bello che il ciclismo possa valorizzare le bellezze del nostro Paese”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.