© Tour of California

Tokyo 2020, Wiggins contro l’esclusione di Mark Cavendish dall’inseguimento: “Sarebbe stato prezioso per tutta la squadra”

È esploso all’improvviso il caso Mark Cavendish. Secondo le ultime voci, l’esperto corridore britannico non sarà selezionato dalla Federazione Britannica per il quartetto dell’inseguimento a squadre di Tokyo 2020. Ammesso e non concesso che i Giochi Olimpici si svolgano entro quest’anno, si è subito schierato in sua difesa Bradley Wiggins, figura più che influlente del ciclismo d’oltremanica,  nel corso del suo podcast per Eurosport, The Bradley Wiggins Show. “È abbastanza inc****to – ha esordito – Si sente come se avesse qualcosa da dimostrare, che non è una selezione naturale come me, in cui avrebbero distorto determinati parametri o regole per includermi, ha sempre pensato di non aver mai avuto quel vantaggio”.

Wiggins critica quindi apertamente la Federazione, asserendo che lo avrebbe incluso in ogni caso: “Ovviamente c’è Ed Clancy nella squadra per l’inseguimento a squadre, ma avere vicino uno come Cavendish, penso che sarebbe stato prezioso per tutta la squadra“.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.