© Sirotti

Milano-Sanremo 2017, Kristoff: “Non potevo seguire gli attacchi sul Poggio, ora in Belgio con fiducia”

Sono stato il migliore dei battuti oggi”. Questo il commento amaro di Alexander Kristoff al termine della Milano – Sanremo 2017. Il corridore della Katusha – Alpecin aveva interpretato al meglio la corsa, ben coadiuvato dai suoi compagni di squadra, ma quando sono partiti Peter Sagan, Michal Kwiatkowski e Julian Alaphilippe non c’è stato nulla da fare. “Il quarto posto era il massimo che potevamo fare – commenta – Non avevo possibilità di seguire gli attacchi sul Poggio, malgrado ne avessi per restare in gruppo. Ero a tutta sia sulla Cipressa che sul Poggio. Per vincere ancora tutto avrebbe dovuto andare come avrei voluto, ma non sempre si possono controllare le cose e alla fine ho sprintato per un piazzamento. Voglio ringraziare Spilak per il suo grande aiuto sul Poggio e Belkov per essere stato a lungo in testa al gruppo”.

Il norvegese può comunque lasciare l’Italia con il sorriso. Tra i velocisti è stato il più forte e questo non può che essere un segnale di crescita. “Mi ero tenuto delle cartucce per la volata – spiega – Malgrado la velocità fosse stata altissima su Poggio e Cipressa, le sensazioni erano buoni. Ora vado in Belgio con fiducia. Le salite lì sono più corte e si adattano meglio alle mie caratteristihe”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.