© Trek-Segafredo

Vuelta a España 2020, la Trek-Segafredo punta alle tappe: Matteo Moschetti e Kenny Elissonde gli uomini più attesi

Formazione “giovane e ambiziosa” per la Trek – Segafredo alla Vuelta a España 2020. Nella selezione annunciata dalla formazione statunitense spicca infatti la presenza di ben quattro debuttanti in un grande giro, ma in generale si tratta di una selezione anagraficamente tra le più basse che prenderanno il via dell’ultimo GT stagionale. Tra i corridori di riferimento spicca la presenza di Matteo Moschetti, che sarà l’uomo deputato agli sprint di una squadra che gli affianca l’esperto Koen De Kort per scortarlo fino ai metri finali. Più amplio il ventaglio di soluzioni per altre frazioni: vista l’assenza di un uomo di riferimento per la classifica generale, la squadra andrà infatti a caccia di successi parziali, partendo da uno dei pochi elementi di esperienza del team, il grimpeur Kenny Elissonde, già vincitore di tappa nel 2013 sull’Angliru.

Nelle fughe vedremo inoltre inserirsi elementi come Niklas Eg, libero da compiti di gregariato come quelli svolti al Tour de France, e i neoprofessionisti Juan Pedro Lopez e Michel Ries. Nelle frazioni intermedie potranno inoltre provare a dire la loro in prima persona gli altri due debuttanti Alexander Kamp ed Emils Liepins, che completano l’inesperto ma molto movitato gruppo che vedremo all’opera in Spagna dal 20 ottobre all’8 novembre.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *