Tour de France 2018, negativi tutti i controlli per rilevare le frodi tecnologiche

L’UCI ha diramato nei giorni scorsi un comunicato nel quale è esplicato che non è stata rilevata alcune frode tecnologica nel corso del Tour de France 2018. Tutti i controlli effettuati nel corso delle tre settimane della Grande Boucle sono risultati negativi. Nel corso e al termine delle tappe sono state messe in campo tutte le tecnologie disponibili. Nonostante qualche dubbio fosse stato sollevato per dei comportamenti “anomali” di alcune biciclette (tra tutte quella di Skujins dopo una caduta), viene evidenziato come siano stati effettuati 2.852 controlli tramite magnetometria e raggi X, testando da cinque a dieci biciclette per tappa, tra cui quella del vincitore e della maglia gialla. Inoltre, ulteriori controlli sono stati effettuati durante le tappe con telecamere termiche.

Inoltre, l’UCI ricorda che sta conducendo uno studio in collaborazione con il dipartimento di ricerca tecnologica del Commissariato per l’Energia Atomica e le Energie Rinnovabili (CEA Tech) al fine di sviluppare un tracker utilizzabile su tutte le biciclette del gruppo e in grado di rilevare i motori in qualsiasi momento della gara, tramite la raccolta di segnali magnetici.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.