I Volti Nuovi del Gruppo, Niccolò Pacinotti: “Il professionismo è tutta un’altra cosa”

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta dei neoprofessionisti italiani con la rubrica I Volti Nuovi del Gruppo. Questa sera facciamo la conoscenza di Niccolò Pacinotti, giovanissimo corridore della Bardiani – CSF. Toscano di Firenze, Pacinotti è nato il 5 febbraio 1995 ed ha già preso parte a gennaio alla Vuelta a la Provincia de San Juan 2017 facendo così il proprio esordio tra i professionisti. Cresciuto ciclisticamente nella sua regione, ha indossato da Under 23 le maglie della Mastromarco e della Hopplà Petroli Firenze.

Come ti sei avvicinato al ciclismo?
Ho iniziato a correre da G2, perché mio papà era appassionato di ciclismo. Anche lui è stato un corridore, ma ha smesso di correre per un incidente. Fin da piccolo mi ero detto di provarci. Poi lui mi ha comprato la biciclette e alla prima corsa ho fatto subito secondo.

Che ricordi ti porti dalle tue esperienze nelle categorie giovanili?
Ho vinto parecchio e il ricordo più bello è stato partecipare ai Giochi della Gioventù da allievo, in cui ho fatto terzo. Sono state le prime esperienze in nazionale e il podio è stato come una vittoria. Altri risultati non ce ne sono, tutte le vittorie sono importanti.

Il grande rimpianto?
L’anno scorso mi ero preparato bene per la Firenze – Viareggio.  È una delle corse più affascinanti per i dilettanti, mi ero studiato il percorso, ma alla fine è andato via Masnada e sono arrivato secondo.

Quando hai capito di poter raggiungere il professionismo?
Dall’anno scorso, dopo i primi contatti con Bruno Reverberi. Avevo capito che non era più un gioco, ma iniziava a diventare un lavoro e ho deciso di impegnarmi a dare il massimo.

Scegli la tua squadra al Fanta Tour de France! Montepremi minimo di 25.000 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button