© Sirotti

Coppa Sabatini 2017, le voci alla partenza

La Coppa Sabatini 2017 presenta un percorso che affascina molti corridori. Tutti quei ciclisti dotati di uno spunto veloce e capace di dire la loro anche su brevi strappetti possono infatti dire la loro sul traguardo di Peccioli. Il pensiero va ovviamente subito a Sonny Colbrelli (Bahrain – Merida), vincitore della corsa già in due occasioni, ma sono tanti quelli che vogliono negargli il tris come Marco Canola (NIPPO – Vini Fantini), Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec), Kristian Sbaragli (Dimension Data), Eduard Prades (Caja Rural – Seguros RGA) o Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert). Queste le loro parole alla partenza.

LE VOCI ALLA PARTENZA

Marco Canola (NIPPO – Vini Fantini): “Fra le corse del Memorial Martini questa è qella che mi piace di più perché si addice alle mie caratteristiche. Bisogna però far conto sulla condizione degli altri ed avrò un po’ di fatica sulle gambe dopo la tappa di ieri. Spero però di riuscire ad alzare le braccia, lo voglio veramente tanto e ci proverò fino alla fine”.

Sonny Colbrelli (Bahrain – Merida): “Oggi proveremo a centrare la vittoria, ma non è così scontato. C’è la Sky per esempio che è non da sottovalutare così come Diego Ulissi che sta andando molto forte. Io comunque mi sento bene e il finale mi piace molto”

“Sicuramente qualcuno proverà ad anticipare. Non penso che mi portino allo sprint, proveranno a farmi fuori. Devono farmi fuori perché se arrivo lì è un finale molto adatto a me. Magari poi non sono al 100% e potrebbero comunque battermi, ma proveranno sicuramente a farmi fuori prima”.

Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec): “Quella di oggi è una delle corse che presenta l’arrivo più adatto alle mie caratteristiche. L’ho fatta poche volte in carriera e negli ultimi due anni ho avuto qualche problema a trovare lo spazio giusto nella curva all’ultimo chilometro che è abbastanza decisiva. Spero quest’anno di poter fare una volata ad armi pari con i potenziali vincitori. Ci sono ovviamente tanti corridori adatti ad un finale del genere, ma possiamo giocarcela”.

“La condizione è buona. Spero di vincere una corsa da qui a fine stagione, penso di essermela meritata. Vincere è sempre difficile, ma voglio provarci fino alla fine”.

Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert): “Quello odierno è un arrivo che mi piace molto. Un arrivo su una leggera salita che tira per un chilometro . È una corsa molto bella e la voglio portare a casa. Sto bene ed abbiamo una bella squadra qui. Oggi è uno di quei giorni in cui voglio esser protagonista io, la forma è buona e quindi proveremo sicuramente a dare il massimo per centrare la vittoria”

“Colbrelli è il favorito, ma non è l’unico. Abbiamo fatto una prova l’altro giorno al Giro di Toscana e abbiamo visto come Colbrelli sta molto bene. Dovrò giocare forse un po’ di furbizia per vincere oggi. Proverò magari a giocarmela fino alla fine e magari proverò ad anticiparlo”

Eduard Prades (Caja Rural – Seguros RGA): “Sto bene anche se sia nella tappa di martedì che ieri ho speso molte energie. Oggi però proverò a portare a casa il miglior risultato possibile. È una corsa che mi piace ed ho già vinto, oggi voglio provare a bissare”

“Sulla carta sono il capitano della squadra, anche se strada facendo potrebbero esserci anche altre punte. Il leader rimangono comunque io”

Kristian Sbaragli (Dimension Data): “Questa è la corsa di casa per me. Mi sono allenato duramente per provare a far bene, nonostante abbia avuto qualche problema nell’ultima parte di stagione con alcune cadute ed una bronchite. Spero ora di chiudere bene la stagione e fare il massimo”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.