CDM Pista, a Berlino quarto posto per l’inseguimento a squadre femminile

La prima delle giornate di Coppa del Mondo di ciclismo su pista a Berlino non porta grosse soddisfazioni all’Italia. Gli atleti azzurri non sono riusciti a conquistare un podio nelle quattro prove in programma nella capitale tedesca, forse appesantiti dal periodo di riposo dopo la prova precedente. Il quartetto dell’inseguimento a squadre maschile si è dovuto accontentare della nona posizione, lontano dalla qualificazione per la semi finale. Elia Viviani, Francesco Lamon, Davide Plebani e Michele Scartezzini hanno concluso con un tempo di 4’0″440, mancando per un solo decimo il passaggio al secondo round, spettato alla Russia.

La specialità è stata vinta dal quartetto australiano composto da Sam Welsford, Leigh Howard, Kelland O’brien e Alexander Porter, che dopo aver fatto registrare il miglior tempo nella qualificazione e nel primo round ha concluso la finale in 3’51″210, battendo la Danimarca di 3 secondi e mezzo. Il podio è stato completato dal Canada, che nella finale per il terzo posto ha avuto ragione dell’Huub Wattbike Test Team.

La migliore prestazione per l’Italia è arrivata nell’inseguimento a squadre femminile, con il quarto posto conquistato da Letizia Paternoster, Rachele Barbieri, Maria Giulia Confalonieri e Martina Fidanza. Le azzurre, qualificatesi al primo round con il sesto tempo, hanno ottenuto il pass per la finale per il terzo posto con il 4’24″912 del primo round. La sfida con le canadesi per il gradino più basso del podio non si è conclusa anzitempo, con il quartetto nordamericano che ha doppiato le italiane dopo aver conquistato 5 secondi di margine nella prima parte di gara. La prova è stata vinta dal Regno Unito, che con il 4’16″153 fatto registrare da Katie Archibald, Emily Kay, Laura Kenny ed Emily Nelson ha sconfitto l’Australia in una finale ricca di emozioni.

Nella velocità a squadre, la vittoria è stata conquistata dai Paesi Bassi, con il terzetto composto da Nils Van Thoerendaal, Harrie Lavreysen e Jeffrey Silver Hoogland. Il 42″467 è bastato per sconfiggere il Regno Unito di Ryaan Owens, Philip Hindes e Jason Kenny, giunto a quasi mezzo secondo. Terzo posto per la Germania padrona di casa, che ha avuto la meglio sul Beat Cycling Club nella finalina. Nessun italiano ha partecipato all’evento.

Nella prova femminile si è imposta la coppia della Gazprom-RusVelo composta dalle russe Daria Shmeleva e Anastasiia Voinova, che con il tempo di 32″633 hanno preceduto di tre decimi le tedesche Miriam Welte ed Emma Hinze. Il podio è stato completato dalla Cina, che ha battuto i Paesi Bassi per il terzo posto. Solo quattordicesime le azzurre Gloria Manzoni e Miriam Vece, che sono arrivate davanti solo a India e Hong Kong.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.