© InBici

Firenze-Viareggio, Michael Antonelli in coma dopo una caduta. L’atleta trasferito a Imola (aggiornato)

Bruttissimo incidente per Michael Antonelli (Mastromarco Sensi Nibali) durante la Firenze-Viareggio. La competizione, che si è svolta nel giorno di ferragosto, ha visto una terribile caduta di un gruppo di corridori lungo un tratto di discesa, intorno alle ore 10.30. Stando alle ricostruzione, un errore nell’impostazione di una curva ad alta velocità ha fatto uscire dalla carreggiata alcuni atleti iscritti alla competizione, tra cui il sammarinese classe ’99, che è finito nella scarpata oltre l’asfalto. L’incidente si è verificato a San Marcello Piteglio (PT), nella località Limestre, lungo l’Appennino Pistoiese. I soccorsi del personale sanitario del 118 e dei vigili del fuoco sono stati tempestivi, permettendo di fornire le prime cure ai coinvolti. Antonelli purtroppo è stato il meno fortunato, riportando gravi conseguenze. Il sammarinese è stato trasportato in elicottero al Careggi di Firenze, dove è attualmente ricoverato in terapia intensiva.

Gli ultimi aggiornamenti, arrivati nella giornata di oggi venerdì 17 agosto, non portano buone notizie. Le condizioni di Antonelli rimangono gravi, con il corridore che si trova ancora in coma e non ha mostrato segni di miglioramento nelle ultime ore. Maggiori informazioni verranno comunicate solo dopo un consulto con lo staff medico del Careggi e con la famiglia del corridore, che ha chiesto rispetto per la situazione e per la famiglia del giovane atleta.

[Aggiornamento di sabato 8 settembre] Secondo quanto comunicato dallo staff medico dell’Ospedale Careggi di Firenze, Michael Antonelli è stato sottoposto a diversi esami in questa settimana, tra cui una risonanza magnetica. I risultati hanno confermato che la situazione è molto grave e il quadro clinico complesso, ma i dottori hanno interpretato in modo positivo alcuni segnali evidenziati dalle analisi. Il sammarinese si trova ancor in stato di coma ed è sotto osservazione ormai da 25 giorni.

Nel frattempo è arrivata una comunicazione del direttore sportivo della Mastromarco Sensi Nibali Gabriele Balducci: “Ci teniamo a sottolineare che il silenzio degli ultimi giorni non significa che abbiamo dimenticato Michael. Anzi, ogni giorno il nostro pensiero e le nostre energie sono per lui e per la sua famiglia. Il fatto è che vogliamo mantenere la tranquillità e il massimo riserbo attorno a Michael e ai suoi famigliari in questa fase così delicata. Non ci facciamo facili illusioni perché sappiamo bene che la situazione continua a rimanere estremamente complessa. Però le ultime notizie filtrate dallo staff medico che lo ha in cura ci fanno vedere una piccola luce di speranza. Ci sono state delle risposte positive agli esami a cui è stato sottoposto in settimana, cosa inimmaginabile nei primi giorni di ricovero dopo il terribile incidente. Non possiamo sapere come andrà a finire, però dobbiamo continuare a crederci, lottare e fare il tifo per lui”.

[Aggiornamento di sabato 6 ottobre]: Michael Antonelli è stato trasferito all’Ospedale di Riabilitazione di Imola, l’Istituto di Montecatone. Un’ambulanza speciale ha trasportato il corridore dall’Ospedale Careggi di Firenze, dove era ricoverato fin dal momento della caduta, alla città romagnola, che ospita uno dei principali poli nazionali per la riabilitazione intensiva di soggetti con lesioni midollari.

Le condizioni del ciclista rimangono piuttosto stabili dopo la paura dei primi giorni. La speranza dello staff medico e dei cari, oltre che di tutto il mondo ciclistico, è che l’atleta del team Mastromarco Sensi Nibali possa risvegliarsi nei prossimi giorni.

Gabriele Balducci, direttore sportivo della squadra, ha spiegato gli aggiornamenti: “A nome della famiglia di Michael e della nostra squadra ringraziamo ufficialmente tutto lo staff medico e sanitario dell’Ospedale Careggi che in queste settimane si è adoperato dando il massimo. Ora Michael, che in tutti questi giorni ha dimostrato di avere la forza di un leone, è chiamato a continuare la lotta per il suo risveglio e l’Istituto di Montecatone è una delle eccellenze per affrontare situazioni come la sua. Sappiamo che il quadro clinico generale rimane molto grave e complesso, ma dobbiamo continuare a lottare e sperare. Inoltre questo trasferimento dalla Toscana all’Emilia-Romagna ha permesso un avvicinamento a casa per Michael e la sua famiglia, che ricordiamo sono di San Marino, ma noi come squadra non smetteremo mai di fargli sentire la nostra vicinanza in ogni modo possibile”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.