Movistar, Davide Formolo: “Per me è una grande opportunità, qui posso fare la differenza”

Davide Formolo pronto ad un 2024 con rinnovate ambizioni. Lasciata una UAE Team Emirates in cui non trovava più grandi spazi, ma non per questo era necessariamente infelice tanto che inizialmente pensava di rinnovare, il corridore veneto avrà alla Movistar molta più libertà in alcune corse, anche se sarà al servizio dei capitani nei grandi giri, proponendosi come uno degli uomini più importanti per Enric Mas. Per questo il suo calendario sarà funzionale a quello del leader spagnolo, con il Giro d’Italia che appare così una opzione lontana, ma questo dovrebbe in realtà dargli maggiore spazio nelle classiche delle Ardenne, oltre ovviamente alla partecipazione al Tour de France.

Vorrei avere le mie possibilità nelle classiche come Liegi e Strade Bianche – spiega a Marca – Nei grandi giri voglio fare un bel lavoro per un capitano che può giocarsi la corsa. Parlando con Eusebio Unzué questo è stato chiaro sin da subito. È un accordo dal quale possiamo tutti trarre vantaggio. La UAE è una squadra alla quale non mancherà Formolo, mentre la Movistar è una squadra in cui posso fare la differenza. E questa è una cosa che mi piace. Sono fiducioso di poter fare ottime cose”.

Per il classe 1992, che ha da poco compiuto 31 anni essendo nato il 25 ottobre, arriva dunque una opportunità importante per tornare ad essere protagonista in prima persona e giocarsi maggiormente le sue carte: “Quando sono arrivato alla UAE Team Emirates dovevo lavorare per un capitano, ora invece vediamo di creare un piano per me. Per me è una grande opportunità, ho ancora delle porte aperte che non avevo mai chiuso del tutto nella mia mente. Mi piacerebbe andare sulle Ardenne, cosa che quest’anno non ho potuto fare. So che dovrò giocarmela contro ciclisti come Remco o Tadej, ma penso di poter lottare per un podio, a meno che le cose vadano alla perfezione per poter vincere”.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio