© Sirotti

Giro di Polonia 2019, Gaviria fa i complimenti a Mezgec: “È stato il più forte”

Non può essere soddisfatto Fernando Gaviria dopo l’arrivo della seconda tappa del Giro di Polonia 2019. Per il velocista della UAE-Emirates è arrivato infatti un altro secondo posto, stesso risultato della prima frazione, ma questa volta alle spalle di un velocissimo Luka Mezgec (Mitchelton-Scott). Il colombiano, che non vince dalla terza tappa del Giro d’Italia 2019 (dove comunque arrivò secondo alle spalle di Elia Viviani, poi declassato) è in cerca della forma migliore durante questa settimana di corsa in terra polacca, per potersi presentare al via in condizioni perfette alla Vuelta a España 2019, terzo Grande Giro della stagione, che lo vedrà al via per la prima volta in carriera.

Sono dispiaciuto perché volevo vincere, come sempre – ha esordito Gaviria – È stata una volata un po’ complicata con una rotonda a circa un chilometro dall’arrivo dove ho perso qualche posizione. Poi, grazie a Consonni, sono riuscito a recuperare spazio”.

Sempre molto sportivo, il quasi venticinquenne sprinter ha ammesso che nulla ha potuto per contrastare la perfetta volata di Mezgec: “Sullo sprint non posso dire niente, Mezgec è stato semplicemente più forte perché quando sono partito io lo ha fatto anche lui. Aveva più gambe”. Gaviria comunque non ha intenzione di darsi per vinto e proverà di certo a vincere una delle tappe rimanenti: “Noi continueremo a lavorare con l’obiettivo fisso in testa di cogliere questa vittoria che ci sfugge da un po’. Non so se arriverà qua in Polonia o alla Vuelta a España, ma di sicuro noi continueremo a provarci”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.