Dubai Women’s Tour, che caos all’arrivo in volata!

Davvero incredibile quanto successo nel finale della seconda tappa del Dubai Women’s Tour. Mentre le atlete avevano appena lanciato lo sprint su tutta la larghezza della carreggiata, all’improvviso, negli ultimi 200 metri, la strada si restringe con delle transenne per incanalare le concorrenti. Fortunatamente non si è verificato nessun incidente e la tappa ha visto il successo di Samah Khaled, ma la situazione che si è verificata è stata davvero pericolosa e si è rischiato veramente tanto. Da notare che molte atlete, rimaste sorprese dall’improvviso restringimento, non sono riuscite ad entrare nello spazio delimitato dalle transenne e a tagliare correttamente il traguardo.

Ai 500 metri eravamo tutte sul lato sinistro della strada e, all’ultimo momento, i segnalatori ci hanno indicato di spostarci a destra! Improvvisamente questo ha provocato un grande sbandamento a cento metri dalla linea del traguardo – ha spiegato Maeva Paret-Peintre – Era pericoloso perché siamo arrivate ​​rapidamente, con il vento alle spalle”.

“Il percorso era molto pericoloso alla fine. Anche prima di questa situazione nello sprint. Ero in mezzo al gruppo e non mi ero accorta di nulla – la testimonianza di un’altra atleta – C’è stata una grande sbandata. Non so come abbiamo evitato la caduta perché è stato super pericoloso. La strada è stata ristretta a 200 metri dal traguardo… L’arco del traguardo non era largo, avrebbero potuto mettere qualcosa di più grande. C’è stata un’enorme ondata. Ho sfiorato il marciapiede con il pedale e ho pensato di volare. È stato super pericoloso”.

 

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.