Movistar, Enric Mas: “Io parlo da capitano, ma il vero capitano è Valverde, questo deve essere chiaro”

© Sirotti

Enric Mas riconosce la leadership di Alejandro Valverde. Il giovane spagnolo arrivato quest’anno alla Movistar e subito investito della fiducia del team manager Eusebio Unzué ha dichiarato di voler correre con i gradi di capitano, ma allo stesso tempo ha ammesso che il vero leader della squadra è Alejandro Valverde, che di recente ha tagliato il traguardo dei quarant’anni. Intervenuto nella serie di interviste dello youtuber spagnolo Valentì Sanjuan, il ventiseienne, attraversando vari temi come la firma senza esitazioni per la sua squadra attuale o il suo gradimento per il documentario Netflix del team, ha dichiarato comunque di non sentire la pressione.

“Gestirò bene la cosa, amo la pressione – ha spiegato – Ci sono tante persone che provano a mettermi pressione, ma da un orecchio mi entra e dall’altro mi esce. Si tratta di un tipo di pressione che mi piace, poter essere il capitano in un team che è nell’élite del ciclismo da quarant’anni. Beh, io dico capitano, ma il vero capitano è Valverde, questo deve essere chiaro”.

L’ex Deceuninck poi alla domanda su quale corsa preferirebbe vincere tra Tour, Olimpiadi e Mondiali ha risposto senza esitazioni: “Scelgo il Tour. Vincerlo è molto difficile. Sono 21 giorni, 23 se contiamo i giorni di riposo, che pure sono importanti. In ogni momento della corsa ti può succedere qualcosa: una foratura, una caduta, un colpo di freddo in discesa che ti causa febbre due giorni dopo. D’altro canto, invece, al Mondiale o ai Giochi, se provi ad arrivare a quel giorno nella miglior forma possibile stai lavorando bene. Per quanto mi riguarda, al Tour come a tutte le corse a cui parteciperò d’ora in avanti sarà sempre per provare a vincere”.

Altre Notizie

Questo sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e proporre prodotti in base agli utenti.

Info