EF, Michael Valgren: “Credo che io e Bettiol saremo tra i capitani. Non vedo l’ora di tornare a vincere”

© Sirotti

Michael Valgren prova a tornare al successo cambiando aria. Il corridore danese, infatti, il prossimo anno passerà alla EF dopo due anni alla NTT, dov’era arrivato sulla scia del successo alla Amstel Gold Race 2018, senza però mai riuscire a ripetersi. Il classe ’92, infatti, in due anni di permanenza all’interno della compagine sudafricana (che il prossimo anno resterà nel World Tour con il nome di Qhubeka Assos) non è mai riuscito ad alzare le braccia al cielo arrivando così a cercare una nuova avventura nella compagine di Jonathan Vaughters, dove sarà uno dei capitani per le corse di un giorno.

“Volevo un team dove poter essere felice, questa è anche una delle principali motivazioni che mi aveva portato a firmare con la NTT – ha spiegato ai microfoni di Cyclingnews – Siamo un team fortissimo e con molte carte da giocare. Credo che io e Bettiol saremo tra i capitani, ma siamo un team aperto a vari scenari e possiamo giocarcela con tanti corridori. Penso che potrò avere libertà in corsa e so che alcune di queste corse possono essere vinte”.

Il ventottenne, poi, ripensando agli ultimi due anni non ha individuato particolari colpevoli: “Ci siamo chiesti cosa non avesse funzionato, ma non abbiamo trovato una vera e propria risposta. Abbiamo dato tutti il massimo e forse non è una buona scusa dire che non abbiamo avuto fortuna, ma io credo davvero che siamo stati sfortunati in alcune corse”.

Tuttavia, lo scandinavo non crede di dover dimostrare qualcosa dopo gli ultimi due anni: “Non penso di dover dimostrare. La squadra sa che posso tornare a vincere, e va da sé che sono felici di avermi e che credono io possa tornare a quel livello. Non vedo l’ora di conoscere i miei compagni e cominciare di nuovo a vincere”.

Altre Notizie

Questo sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e proporre prodotti in base agli utenti.

Info