© PhotoBettini

Coronavirus, l’assocorridori dice no ai tagli indiscriminati di stipendio: “Evitiamo le speculazioni”

L’assocorridori contro i tagli agli stipendi. L’associazione diretta da Gianni Bugno comprende la posizione delle squadre e l’elasticità che queste hanno chiesto all’UCI, in particolare riguardo l’utilizzo delle fidejussioni bancarie, ma l’obiettivo del CPA (Associazione Ciclisti Professionisti) è chiaramente innanzitutto difendere gli interessi dei propri associati a livell globale. Con la crisi conseguente al coronavirus molte squadre hanno già preso provvedimenti, più o meno rigidi, con le WorldTour che per il momento sono sempre andate verso un taglio agli stipendi, mentre alcune Professional, come la Bardiani – CSF, hanno potuto usufruire degli ammortizzatori sociali del proprio paese, almeno per i corridori ivi residenti. Obiettivo comune di tutti è salvare il ciclismo dalle conseguenze che molti sport potrebbero soffrire, ma l’associazione vuole evitare che questo venga fatto a danno dei corridori.

“Siamo consapevoli delle difficoltà che possono incontrare gli sponsor e le squadre in questa situazione di emergenza, restiamo all’ascolto e disposti a trovare anche dei compromessi per il bene dell’intero movimento, ma nello stesso tempo vigiliamo per evitare eventuali speculazioni e operiamo per limitare i disagi che stanno incontrando i corridori e le loro famiglie – spiega il due volte iridato – Accettiamo l’elasticità chiesta dall’AIGCP, ma naturalmente i regolamenti dovranno essere rispettati. Non è accettabile la decurtazione importante dei salari senza fornire le prove che attestino l’incapacità al rispetto dei contratti. Ed è auspicabile che tutti cercheremo le migliori soluzioni per non lasciare a piedi atleti, membri del personale e in generale tutte le persone che vivono di ciclismo“.

Rappresentanti di corridori hanno partecipato e partecipano attivamente a tutte le riunioni convocate sinora dall’UCI, che in questi giorni ha più volte chiamato a raccolta gli stati generali del ciclismo (squadre, organizzatori, corridori) per valutare il da farsi e affrontare il momento difficile cercando di trovare delle soluzioni a questo momento di difficoltà. A difesa dei corridori sono intervenuti anche gli agenti dei corridori, con i quali il CPA ha creato “un gruppo di lavoro interno per muoverci all’unisono”, come spiega il segretario generale Laura Mora: “In questa fase, perché nessuno ci rimetta o guadagni stipulando accordi a scapito di altri, c’è l’esigenza di un comportamento comune. Come detto, non accetteremo mai una generale riduzione degli stipendi, valuteremo i singoli casi e studieremo come arginare i problemi con aiuti o piani di diverso tipo. Siamo sulla stessa barca, in un mare in tempesta, per salvarci dobbiamo rispettare principi comuni e fare lavoro di squadra, per davvero”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.