© ASO/Fabien Boukla

Coronavirus, i corridori chiedono chiarezza sul taglio degli stipendi: “Trasparenza sul modo in cui ogni potenziale sacrificio aiuterà la squadra”

I corridori vogliono chiarezza sui tagli degli stipendi. Con la lista delle corse cancellate a causa del coronavirus giunta ormai a dimensioni pantagrueliche, alcune squadre hanno cominciato a tremare per le proprie finanze e hanno adoperato varie, dal taglio agli stipendi dei corridori (tra le World Tour, Lotto Soudal e Astana) fino a chiedere la cassa integrazione. L’agenzia Trinity Sports, che rappresenta vari ciclisti in gruppo, ha indirizzato una lettera a UCI, Velon, associazioni delle squadre e associazioni dei corridori, chiedendo in buona sostanza che agli atleti venga spiegato come verrà usata la parte tagliata ai loro stipendi.

I corridori vogliono aiutare – è l’incipit del comunicato – Sanno che l’intero mondo dello sport è in pericolo. Sanno che squadre e sponsor stanno attraversando momenti difficili. Tuttavia, vogliono essere coinvolti in una conversazione aperta e trasparente sul modo in cui possono aiutare e vogliono trasparenza sul modo in cui ogni loro potenziale sacrificio aiuterà le loro squadre”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.