Bora-Hansgrohe, commozione cerebrale e frattura di una vertebra per Kelderman e fratture cervicali e toraciche per Schillinger dopo l’incidente (Aggiornato)

© Chiara Redaschi

Arrivano nuovi dettagli sul maxi incidente che ha coinvolto sette ciclisti della Bora-Hansgrohe. Nella giornata di ieri, infatti, sette corridori del team tedesco sono stati investiti sul Lago di Garda da un Suv che non ha rispettato lo stop e tre di loro sono stati portati in ospedale per accertamenti. Erano più o meno già note le condizioni di Rudiger Selig e Wilco Kelderman, trauma cranico per il tedesco e commozione cerebrale per il neerlandese che ha riportato anche un infortunio al ginocchio che la Gazzetta definisce “serio”, pur non entrando nei dettagli. Ancora peggio però è andata ad Andreas Schillinger.

Il trentasettenne tedesco, infatti, sempre secondo la Gazzetta dello Sport avrebbe riportato fratture cervicali e toraciche, che secondo quanto riporta Cyclingnews non necessitano di intervento chirurgico, ma di un lungo periodo stop per permettere al corridore prima il recupero e poi la riabilitazione.

AGGIORNAMENTO 10:15: Con un comunicato ufficiale la Bora-Hansgrohe rivela le condizioni dei propri corridori coinvolti nell’incidente. Rudiger Selig ha subito una commozine cerebrale, ma nessuna frattura, mentre Wilco Kelderman oltre alla commozione cerebrale ha riportato anche la frattura di una vertebra (il team tedesco non fa menzione del ginocchio). Confermate poi anche le fratture cervicali e toraciche per Andreas Schillinger. Sia per il neerlandese che per il tedesco, la compagine di Ralph Denk ha deciso di procedere con la terapia conservativa.

Altre Notizie

Questo sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e proporre prodotti in base agli utenti.

Info