Tour de France 2021, Harrison Sweeny protagonista a sorpresa: “Surreale lottare per la vittoria di tappa”

© A.S.O./Charly Lopez

Giornata coraggiosa oggi per Harrison Sweeny. Il 22enne talento della Lotto Soudal, che compirà 23 anni proprio domani, oggi ha dato tutto il possibile per portarsi a casa la dodicesima tappa del Tour de France 2021. È stato tra i più attivi soprattutto nel finale, ma alla fine si è dovuto arrendere, insieme a Imanol Erviti, allo strapotere di Nils Politt che a undici chilometri dal traguardo se n’è andato da solo lasciandoli sul posto. Un terzo posto al Tour de France è comunque un gran bel risultato per il neo-professionista, vincitore dell’ultimo Piccolo Giro di Lombardia, che si sta misurando per le prime volte a questi livelli.

“Ad essere onesti, oggi mi è sembrato un po’ surreale lottare per la vittoria di tappa. Non mi aspettavo di essere al Tour quest’anno, figuriamoci di mettermi in mostra a questi livelli – ha scherzato dopo il traguardo – Sapevo di essere in grado di farlo, ma tatticamente è un’altra cosa. Forse ho commesso qualche errore nel finale, ma non posso essere deluso da questo risultato. Alla fine è stata davvero una partita tattica e forse ho mostrato un po’ troppo la mia forza. Politt se ne è accorto e ne ha approfittato. Tuttavia, sono professionista solo da sei mesi, quindi devo essere soddisfatto del terzo posto“.

“Speravo che la salita finale fosse un po’ più dura – ha poi aggiunto – Ho attaccato lì e speravo che sarebbe stata troppo dura per gli altri, ma sono rientrati ed è lì che ho perso un po’ la gamba. Sapevo di non avere uno spunto abbastanza buono per battere quegli avversari, quindi ho dovuto provare qualcosa. Ho fatto di tutto per cercare di vincere la tappa, quindi posso essere felice. Siamo ormai nel pieno del Tour e mi sento ancora bene, il che è un segnale positivo”.

Altre Notizie

Questo sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e proporre prodotti in base agli utenti.

Info