CicloMercato 2022: Andersen, Geschke, Hoole, Nibali, Nizzolo, Perichon, Sagan, Tolhoek, Viviani

© Jojo Harper

Prosegue tra indiscrezioni e ufficialità un CicloMercato 2022 molto attivo in questi giorni. Trasferimenti e rinnovi sono infatti all’ordine del giorno in queste settimane a cavallo tra Giro d’Italia e Tour de France, con molti team manager che cercano di chiudere il più dossier possibili per le proprie squadre. I grandi nomi sono chiaramente quelli più vociferati in questo periodo, ma le manovre non riguardano chiaramente solo loro, con molti gregari e comprimari (ma anche neoprofessionisti) che cominciano a definire e conoscere il proprio futuro.

È questo ad esempio il caso di Simon Geschke e Pierre-Luc Périchon, che hanno rinnovato per due stagioni con la Cofidis. Corridori preziosi al servizio dei propri capitani, il tedesco e il francese sono attualmente entrambi impegnati al Giro del Delfinato e sono tra gli uomini più attesi per supportare Guillaume Martin al prossimo Tour de France, tanto in pianura quanto in salita. Entrambi corridori di esperienza, hanno rispettivamente 35 e 34 anni, corrono da una e tre stagioni con il team, ma sono rapidamente entrati a far parte degli uomini più importanti.

Contratto triennale invece per Idar Andersen, giovane talento della Uno-X Pro Cycling. Fresco vincitore del Tour de la Mirabelle, nonché secondo nella tappa inaugurale del Tour of the Alps, il classe 1999 si conferma così uno dei cardini del progetto della formazione norvegese, tra le realtà emergenti del panorama internazionale grazie ad un attento lavoro di scouting soprattutto nella regione scandinava.

Non è ancora confermato, ma secondo quanto riporta Beppe Conti a RadioCorsa, per il passaggio di Elia Viviani alla Eolo-Kometa è sostanzialmente cosa fatta e mancherebbe solo l’ufficialità (che ricordiamo non può arrivare prima del mese di agosto visti i regolamenti UCI). Altro trasferimento che sembra sempre più incanalarsi nella giusta direzione è l’approdo di Peter Sagan alla Total Direct Energie, che verrebbe così rivoluzionata dall’arrivo dello slovacco, assieme a tutto il suo entourage tra corridori e staff. Una mossa che potrà cambiare moltissimi equilibri in futuro, in termini di inviti e di partecipazioni, dando alla compagine francese una dimensione internazionale che sinora non ha mai avuto.

Ancora molto conteso invece Giacomo Nizzolo, che attualmente ha due squadre in prima fila per ingaggiarlo, oltre alla Qhubeka – Assos che spera di riuscire a convincerlo a restare dopo averne fatto quest’anno il suo uomo di riferimento. Sempre in piedi l’opzione Cofidis, che comunque non ha ancora completamente rinunciato al veronese, mentre a cercarlo per fare un ulteriore salto di qualità è la Intermarché – Wanty – Gobert, formazione quest’anno approdata nel WorldTour, priva sinora di un velocista di riferimento.

Continuano inoltre anche le indiscrezioni riguardo Vincenzo Nibali, che vuole continuare per un altro anno. Se la pista Trek – Segafredo sembra continuare ad allontanarsi, pur non essendo ancora completamente chiusa, tre le alternative si affaccia nuovamente la UAE Team Emirates. La formazione emiratina vorrebbe infatti affiancare lo Squalo dello Stretto a Tadej Pogacar, pronto ad assorbire la grandissima esperienza vincente che il siciliano potrà dargli. Un ruolo chiaramente simile a quello offerto dalla Deceuninck – QuickStep per Remco Evenepoel, mentre la Astana – Premier Tech sarebbe pronta a dare più spazio da leader al messinese, magari affiancandogli Aleksandr Vlasov come alternativa, a sua volta con l’obiettivo di imparare.

La Trek – Segafredo intanto si muove anche su altri fronti, con uno sguardo importante alle salite, in cui l’uomo del futuro è chiaramente Giulio Ciccone. Il team di Luca Guercilena è infatti una possibile destinazione di Antwan Tolhoek, che lascerebbe così la Jumbo-Visma nella quale è cresciuto dopo gli esordi con la Roompot. Secondo quanto riporta Het Nieuwsblad, altra possibile scelta per lui è la Intermarché – Wanty – Gobert, con la compagine americana che intanto guarda anche al giovane Daan Hoole, passista completo in arrivo dalla SEG Racing, con la quale da U23 sta ottenendo risultati di buon livello, partendo dal successo di pochi giorni fa alla Coppa della Pace.

Altre Notizie

Questo sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e proporre prodotti in base agli utenti.

Info