venerdì , 24 novembre 2017
© Sirotti

UCI, Lappartient annuncia di voler eliminare le radioline

David Lappartient contro le radioline in corsa. Continuano le dichiarazioni di intenti del nuovo presidente dell’UCI, che conferma la sua intenzione di voler apportare alcune modifiche importanti al ciclismo, in rottura con alcune decisioni prese dal suo predecessore in questi ultimi anni. Dopo un acceso dibattito negli anni passati, sul tema delle radioline la situazione si era ormai placata, sostanzialmente con la vittoria di chi le voleva. Mentre nel 2009 erano state abolite con effetto graduale a partire dal 2010, con un percorso che avrebbe dovuto portare alla totale eliminazione dal 2012, negli ultimi anni invece erano presenti in ogni corsa professionistica. Una situazione che il numero uno del ciclismo mondiale vuole nuovamente cambiare.

“Ho già fatto fatto sapere che voglio proibire le radioline ai prossimi mondiali – annuncia a Het Nieuwsblad – I corridori ne hanno forse bisogno per ottenere informazioni? Per la sicurezza possiamo inviare informazioni al loro ciclocomputer, oppure in futuro potremo proiettarle sulla visiera dei loro caschi”. L’intenzione dunque sembra quella nuovamente di ragionare ad una eliminazione progressiva, cominciando con la rassegna iridata e le corse minori, passando poi, stagione dopo stagione, anche con l’aiuto delle novità tecnologiche, a bandirle completamente da ogni corsa.

Una iniziativa che non mancherà di accendere nuovamente un dibattito che non si è mai realmente sopito del tutto. Le posizioni sono spesso molto distanti fra loro, anche all’interno delle stesse categorie, con pareri leggermente (a volte anche completamente) discordanti. Dopo appena un mese dalla sua elezione, il nuovo inquilino di Aigle sembra dunque intenzionato a scuotere davvero l’ambiente, finora soprattutto annunciando misure contro: prima delle radioline, infatti, le sue dichiarazioni sono state per l’abolizione dei misuratori di potenza, rei di condizionare troppo la corsa, e dell’uso di antidolorifici, dal Tramadol al cortisone.

Vedi Anche

Pagellone 2017, Q: i fratelli Quintana e Quinziato

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei promossi ed i bocciati di questa stagione. In …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *