Trek-Segafredo, Felline punta Classiche e tappe ai GT: “Se riuscissi ad imbroccarne una sarebbe perfetto”

Fabio Felline a caccia della vittoria di peso nel 2018. Corridore poliedrico, capace di piazzarsi in volata come in salita, nelle salite brevi come a cronometro, il torinese ha dimostrato anche in questo 2017 il suo talento completo, ma gli manca probabilmente quel salto di qualità, anche a livello di fiducia, che solo un successo prestigioso ti può dare, uno scatto mentale innanzitutto. Dopo i numerosi piazzamenti di questa stagione ormai conclusa, l’obiettivo del corridore della Trek – Segafredo è di poterci riuscire nell’anno che verrà, nel quale sembra avere le idee abbastanza chiare, puntando in primis alle classiche.

Farò moltissime classiche, se riuscissi ad imbroccarne una sarebbe perfetto“, spiega ai microfoni di RadioCorsa, sottolineando inoltre l’altro suo grande obiettivo, anche questo sinora solo sfiorato, che potrebbe eventualmente compensare: “In carriera ho ottenuto sinora nove podi nei grandi giri. Ma mi manca una tappa, se riuscissi a vincerne una sarebbe perfetto”. Probabilmente lasciate dunque da parte, almeno nel progetto iniziale, le ambizioni di fare classifica, come successo allo scorso Giro di Romandia, concluso in quarta posizione. Certo, se strada facendo dovesse tenere il ritmo, perché privarsene viste le sue qualità?

Vedi Anche

Tour Down Under 2018, la Bora perde la tappa ma si consola con l’abbuono

Niente da fare per la Bora – hansgrohe nella seconda tappa del Tour Down Under …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *