Movistar, Unzue sulla convivenza Landa-Quintana: “Lavoreranno insieme e sarà la cosa migliore che potrà capitare ad entrambi”

Nelle ultime settimane sono emersi diversi dubbi sulla possibile convivenza fra Nairo Quintana. Sia il colombiano che l’ex Sky non hanno nascosto le loro ambizioni in vista del prossimo anno. La situazione sembra esser rientrata nel corso degli ultimi giorni dopo il primo ritiro della Movistar con i due che hanno usato parole distensive. A porre (almeno a provarci) la parola fine su eventuali polemiche ci ha pensato il patron della squadra spagnola Eusebio Unzue che a Cyclingnews ha sottolineato come la presenza dei due sarà un vantaggio.

Con il tempo finiranno per lavorare insieme e sarà la cosa migliore che potrà capitare ad entrambi – rassicura il team manager della compagine iberica – Quando Landa correrà accanto a Quintana crescerà ulteriormente, mentre per Quintana la condivisione della leadership in alcune occasioni sarà una cosa molto positiva”.

Unzue è inoltre ritornato sulle parole dei due corridori, che si erano punzecchiati prima del ritiro della squadra: “È una situazione normale. Come potrebbe Quintana non pensare di essere il capitano di questa squadra dopo aver centrato negli ultimi cinque anni almeno un podio l’anno in un Grande Giro? Contemporaneamente, anche quello che ha detto Landa ha una sua logica. Dopo quanto fatto in questi tre anni, ha sicuramente l’idea di poter fare il capitano, siamo tutti convinti di questa sua possibilità. Mikel è apparso quest’anno ancor più consistente rispetto alle qualità che già gli conoscevamo”.

Unzue è infatti sicuro che il basco possa lottare alla pari con i migliori al mondo: “Landa è uno di quei sette od otto corridori in grado, ad oggi, di vincere un Grande Giro. Così come gli Aru, i Nibali, i corridori francesi, Dumoulin, Froome e Quintana, sono tutti corridori pronti a vincere un Grande Giro. Anche se in cima alla lista, chiaramente, c’è Froome”.

Vedi Anche

I 10 neopro’ più attesi del 2018, 10-9: Fabbro e Riabushenko

Come ogni anno, per alcuni corridori la prossima stagione sarà la prima nel ciclismo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *