venerdì , 24 novembre 2017
© Sirotti

[SONDAGGIO] Le delusioni del 2017

Nel corso dell’ultima settimana vi abbiamo svelato la nostra personale classifica delle 10 delusioni del 2017. Ora però vogliamo sapere la vostra personale classifica, lasciandovi la possibilità di stilare la vostra personale classifica. Il sondaggio sarà aperto fino a lunedì 20 novembre quando pubblicheremo il risultato di questo sondaggio.

Vedi Anche

Vicenza 2020, Zaia chiede l’appoggio del Governo per risolvere l’impasse

L’Italia è un passo dal Mondiale 2020, ma serve coesione. L’UCI lo ha chiaramente fatto …

9 commenti

  1. Se posso aggiungerei tra le delusioni del 2017 anche i nomi di Pinot (da lui mi aspettavo molto più di quanto ottenuto), Aru (come non definire negativo il suo 2017?) e quello di Modolo (non si è affermato in nessuna volata di gare di una certa importanza).

    • pinot per un soffio ha perso il podio al giro , alla sua prima partecipazione , ha vinto una tappa, poi nelle corse di una settimana ha sempre centrato la top tre , terzo alla tirreno , terzo alla vuelta andalucia, secondo al trentino, e primo al tour de l’ain, si è messo in mostra al lombardia dove ha ceduto solo nel finale , l’unico problema e il tour ma si è ammalato e ritirato quindi non credo sia giudicabile la sua prestazione, su aru e ancor di più su modolo sono d’accordo … però diciamo che si tende sempre a essere buoni con i corridori di casa

    • Per quanto riguarda Aru, abbiamo cercato di non considerare nel nostro elenco corridori che hanno visto la loro stagione travolta da infortuni. Il sardo, nel nostro Pagellone, ha infatti ottenuto un 6, bilanciando le sue prestazioni con buoni risultati, non scontati vista la lunga assenza per il problema al ginocchio. Pinot forse non ha spiccato, ma a sua volta ha ottenuto buoni risultati, in lotta con i big per tutta la prima parte di stagione. Chiudendo con Modolo, effettivamente meno brillante nel suo ruolo di velocista, ma ha improntato anche la stagione in maniera diversa, con una trasformazione verso le classiche che sembra promettente.

  2. La stagione di Quintana leggermente dietro a quella di Nibali solo per il podio in più alla vuelta, in quanto il colombiano ha preferito provare due giri consecutivi. Il Lombardia si può paragonare alla Tirreno come valore.
    Come vittorie stagionali 6-4 per il colombiano. Personalmente darei 7 a Nibali e 6,5 al colombiano. I bocciati secondo me sono altri. Ripeto questo è un mio umile giudizio.

  3. Simone, il Lombardia e’ una monumento.Non scherziamo.E vai a vederti il piazzamenti di Nibali dall’Italiano in poi…e’ stata una macchina.Non proprio vincente ma con una continuita’ notevole..Nibali 7,5, Quintana 6,5, per me..

    • Maxy ripeto è una mia opinione, forse sbagliata. Io per dare un giudizio guardo la stagione completa di un corridore e secondo me dare un giudizio negativo su Quintana non lo reputo giusto. Ha vinto a febbraio ed è arrivato 9° al Lombardia.
      Davo un mezzo punto in più a Nibali per il doppio podio nei grandi Giri.
      E poi la Tirreno non la reputo inferiore ad un Lombardia, ripeto sempre secondo me.

      • concordo in parte con simone , anche io non reputo la tirreno una corsa inferiore, anzi negli anni scorsi paradossalmente ci sono stati più campioni presenti alla tirreno che al giro d’italia, quintana per me ha sbagliato la preparazione andava troppo forte a febbraio marzo per essere competitivo fino al tour , se vediamo froome invece ha fatto l’opposto , da febbraio fino all’inizio del delfinato era sempre sotto tono, però è entrato in forma nel momento giusto

  4. Ma la Tirreno se la vinci non ti gira una stagione..delle vittorie di Van Avermet, la Tirreno ha un posto secondario, faccio un esempio..idem Nibali
    Un Lombardia ti cambia il senso della stagione,invece..e a qualcuno anche una carriera.
    E’ come paragonare una Liegi ad un Delfinato..

    • Fai questo discorso perché nel calendario è posta praticamente a inizio anno e quindi trae in inganno , per me il valore di una corsa lo si vede dalla lista dei partecipanti , ricordo una Tirreno vinta da nibali nella quale sul podio c erano anche froome e contador , con attacchi di rodriguez, uran e sagan quasi tutti i giorni, per esempio nelle classiche una delle più importanti per me adesso è là strade bianche, non avrà il blasone di una Liegi o una san remo, però di fatto ci partecipano tutti i migliori delle corse di un giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *