© Muscat Municipality/Paumer/Kare

Presentazione Tour of Oman 2018

Continuano gli appuntamenti ciclistici in Arabia. Dopo aver mandato in archivio il Dubai Tour è il turno del Tour of Oman 2018, corsa organizzata dagli stessi del Tour de France. Nata nel 2010, la breve corsa a tappe andrà in scena quest’anno dal 13 al 18 febbraio con un percorso che vedrà come tappa clou nuovamente l’arrivo sulla Green Moutain. Diciotto le squadre al via quest’anno, fra le quali la metà provenienti dal circuito WorldTour, a conferma di un evento che ottiene sempre molti consensi grazie al clima mite e le comodità garantite dall’organizzazione.

A vincere l’anno scorso fu il belga Ben Hermans, assente quest’anno visto che la sua squadra non è al via, che si impose davanti all’ex Campione del Mondo Rui Costa e Fabio Aru.

HASHTAG UFFICIALE#TOO2018

Albo d’Oro Tour of Oman 2018

2017 Ben HERMANS
2016 Vincenzo NIBALI
2015 Rafael VALLS
2014 Chris FROOME
2013 Chris FROOME
2012 Peter VELITS
2011 Robert GESINK
2010 Fabian CANCELLARA

Percorso Tour of Oman 2018

Ad aprire la corsa sarà una frazione che dovrebbe sorridere ai velocisti, ma già dal secondo giorno potrebbe esserci spazio per gli attaccanti e qualche sorpresa dietro l’angolo con l’arrivo ad Al Bustan. Finale incerto anche il giorno dopo con l’arrivo a Wadi Dayqah Dam, dove potrebbe arrivare un gruppetto abbastanza ristretto o addirittura un corridore in solitaria. Tappa breve il giorno successivo, ma l’arrivo pianeggiante non deve ingannare perché la tripla scalata della Al-Jabal Street (3,4 km all’8,8) potrebbe fare una selezione importante.

Nella quinta tappa andrà in scena invece il tradizionale arrivo a Jabal Al Akhdhar, con i corridori che dovranno darsi battagli per superare i 5,7 chilometri al 10,5% dell’ascesa conclusiva della Green Mountain. Si chiuderà, come di consueto, con una passerella finale dedicata ai velocisti.

Martedì 13 Febbraio, 1ª Tappa : Nizwa > Sultan Qaboos University, 162,5km
Mercoledì 14 Febbraio, 2ª Tappa : Sultan Qaboos University > Al Bustan, 167,5km
Giovedì 15 Febbraio, 3ª Tappa : German University of Technology >Wadi Dayqah Dam, 179,5km
Venerdì 16 Febbraio, 4ª Tappa : Yiti (Al Sifah) > Ministry of Tourism, 117,5km
Sabato 17 Febbraio, 5ª Tappa : Sama’il > Jabal Al Akhdhar (Green Mountain), 152km
Domenica 18 Febbraio, 6ª Tappa : Al Mouj Muscat > Matrah Corniche, 135,5km

Favoriti Tour of Oman 2018

Clicca qui per la startlist

L’uomo da battere sulla carta è Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida). Il siciliano ha già vinto la corsa nel 2016 e potrà contare su una squadra molto forte al suo fianco, con corridori come Giovanni ViscontiGorka Izagirre che sarebbero capitani in altre squadre, printi eventualmente a prenderne le veci se lo Squalo dello Stretto non dovesse essere nella forma necessaria visto che sinora ha corso molto poco. La concorrenza però sarà molto forte, a partire da Alberto Rui Costa (UAE Team Emirates) e Miguel Angel Lopez (Astana). Il primo l’anno scorso si è piazzato al secondo posto, mentre il colombiano non ha mai partecipato alla corsa araba, ma sarà al via con un vero e proprio squadrone con Jan Hirt ed il rientrante Tanel Kangert che potrebbero avere carta bianca in alcune frazioni e sfruttare la superiorità numerica.

Grande attenzione andrà riposta poi intorno a corridori come Fabio Felline (Trek – Segafredo), Nicolas Roche (BMC) od il duo della Cofidis con Jesus HerradaDani Navarro. Tanti i possibili nomi a sorpresa, con Merhawi Kudus (Dimension Data) e Ian Boswell (Katusha – Alpecin) che vorranno subito provare a lasciare il segno, passando per Eros Capecchi (QuickStep – Floors), Danilo Celano (Caja Rural – Seguros RGA), Peter Weening (Roompot – Nederlandse Loterij) e Robin Carpenter (Rally Cycling).

Per quanto riguarda le volate si preannuncia invece grande battaglia fra Mark Cavendish (Dimension Data) e Alexander Kristoff (UAE Team Emirates). Nella lotta fra i due proveranno ad inserirsi diversi corridori, a partire da Bryan Coquard (Vital Concept), Giacomo Nizzolo (Trek – Segafredo), Magnus Cort Nielsen (Astana) e Nacer Bouhanni (Cofidis). Fra i possibili outsider invece attenzione ad Adam Blythe (Aqua Blue Sport), Edward Theuns (Sunweb), Wouter Wippert (Roompot – Nederlandse Loterij), Fabio Jakobsen (QuickStep – Floors) ed Alberto Bettiol (BMC), con quest’ultimo che potrebbe esser protagonista anche di alcune frazioni leggermente più impegnative insieme al compagno di squadra Greg Van Avermaet.

Planimetrie e Altimetrie Tour of Oman 2018

Vedi Anche

Presentazione Omloop Het Nieuwsblad 2018, Van Avermaet e Gilbert a caccia del record

Si apre con la Omloop Het Nieuwsblad 2018 la stagione del pavé. Dall’anno scorso inoltre la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *