giovedì , 23 novembre 2017
© Sirotti

Follia al volante, Bono e Palini investiti da un’auto

Allenamento diventato quasi tragedia nel bresciano. Coinvolto un gruppo di ciclisti, tra i quali Matteo Bono (UAE Team Emirates) e Andrea Palini (Androni-Sidermec), che sono stati investiti volontariamente da una autovettura in seguito ad una discussione. Secondo quanto riporta BresciaOggi, mentre stavano pedalando verso Solto Collina, i ciclisti sono stati soprassati da un automobilista che, da subito, ha iniziato ad inveire contro i loro. Le cause iniziali del diverbio non sono state rivelate, ma si ipotizza che il gruppetto non stesse procedendo in fila indiana.

Dopo aver superato il gruppetto ed essersi fermato, continuando l’accesa discussione, l’automobilista ha dato sfogo alla sua rabbia anche con i fatti, inserendo la retromarcia ed investendo i ciclisti prima di ripartire a forte velocità. Fortunatamente, nessuna ferita grave per nessuno dei coinvolti, che se la sono cavata con alcune contusioni e ferite, ma il danno economico sarebbe consistente visto che alcuni mezzi sono andati distrutti. Immediatamente allertata la polizia, che si è recata sul posto insieme ad un’ambulanza, per prestare i primi soccorsi ed effettuare i rilievi del caso.

Nessun commento da parte dei due professionisti, ma è chiaramente partita una denuncia contro il conducente dell’auto, la cui targa era stata memorizzata dalle vittime. Un ennesimo episodio increscioso che speriamo possa sfociare nella giusta punizione del colpevole, ma soprattutto che possa portare anche ad una maggiore sensibilizzazione della problematica a livello sociale, politico e nazionale.

Vedi Anche

Migliori Momenti 2017, 6 – 5: Il Lombardia, Parigi – Roubaix

Continuano i nostri articoli per ripercorrere insieme la stagione ormai conclusa. Dopo aver analizzato le …

Un commento

  1. Questa gentaglia la deve pagare. Che facciano il possibile per non fargliela pagare liscia. A parte i fastidi per l’arroganza, molti automobilisti prepotenti e senza scrupoli mettono a repentaglio con vergognosa facilità l’incolumità e la vita di chi viaggia sulle due ruote. Hanno tra le mani un’arma. E quando la usano come tale, e non come mezzo di trasporto, vanno severamente puniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *